“Spegnete le slot machine”, l’atto di coraggio del parroco

176

sala slot Nel giorno di inizio di Quaresima, il Parroco dell’Antica Cattedrale di S.Maria delle Grazie di Massa Lubrense, don Rito Maresca, ha rivolto a tutti gli esercenti pubblici un accorato appello a spegnere, almeno nei quaranta giorni della penitenza, le slot machines e dare così un contributo, ancorché momentaneo, al contenimento della devastante piaga sociale del gioco patologico.

“La lettera di don Rito Maresca è un atto di amore pastorale verso i giocatori patologici e un severo richiamo a quanti fanno lucro sulla loro pelle, autorizzati da uno Stato cinico, imbelle, non più democratico, ma criminogeno. La lettera, di fronte alla vergognosa omertà istituzionale, meriterebbe l’attenzione di tutti i media nazionali.

La stoltezza dei governi di centro destra e di centro sinistra e l’inerzia, talvolta prezzolata, del Parlamento, continuano a condurre alla disperazione migliaia di persone, cadute nella trappola infernale del gioco d’azzardo e causa della rovina delle loro famiglie.

Se anche il governo Renzi, nonostante le promesse fatte, non provvederà a porre fine a questo scempio umano e a questa corruzione della comunità nazionale, inserirò anche lui e il ministro Padoan, nella circostanziata denunzia penale che presenterò, prima dell’estate, al Tribunale dei Ministri, contro tutti i presidenti del Consiglio e tutti ministri dell’Economia e delle Finanze, che , in quindici anni, hanno prodotto questa tragedia nazionale, piegandosi alle lobby del gioco, con l’alibi, falso e strumentale, delle entrate erariali”.

Lo ha dichiarato il professor Raffaele Lauro, senatore della XVI legislatura e leader del movimento politico: “No all’Azzardo. Salviamo l’Italia!”.

Share