Femminicidio, Campania in prima linea per la prevenzione

273

bianca 11 MARZO 011La consigliera regionale Bianca D’Angelo (Fi), intervenuta stamani all’iniziativa denominata “Insieme per prevenire e contrastare ogni forma di violenza di genere”, ha rilasciato la seguente dichiarazione: «Oggi Giunta e Consiglio insieme hanno parlato con fatti concreti di buona politica.

La Campania, infatti, è Regione all’avanguardia sulla tematica della violenza di genere in quanto il Consiglio, interpretando pienamente l’esigenza di intervenire con forza sul fronte femminicidio, ha già legiferato due volte (2011 e 2012). Le due leggi sono ora in fase di attuazione e l’Assessorato al ramo ha varato un apposito decreto che finanzia con 4,5 milioni di euro i Centri anti-violenza su tutto il territorio. In particolare la legge numero 22 del 21 luglio 2012, varata a costo zero per le casse della Regione, è in fase molto avanzata, visto che sono state individuate sul territorio sette strutture pubbliche (ospedali) per organizzare la rete dei servizi socio-sanitari di assistenza clinico-psicologica alle donne vittime di violenza, abusi e molestie.

Inoltre con questa normativa si istituisce l’Osservatorio regionale che ogni due anni pubblicherà sul sito web della Regione Campania i dati ufficiali ed aggiornati sul fenomeno della violenza di genere. La legge 22 del 2012, infine, interviene nel solco tracciato dal Parlamento Europeo nel 2007, quando si invitavano gli Stati membri dell’Ue all’interno delle proprie politiche sanitarie a istituire reti di contrasto della violenza, e dal Governo Berlusconi che nel 2010 sollecitava le Regioni a istituire percorsi socio-sanitari sui propri territori. Il nostro lavoro in Consiglio non si ferma qua perché continueremo ad incidere affinché anche l’ultimo tassello di completamento della filiera, rappresentato dalle Case di Accoglienza, trovi le risorse economiche adeguate e necessarie al suo funzionamento».

Share