“Ecco chi sono i responsabili della morte occupazionale di Sarno”

Antonio Crescenzo candidato sindaco Sarno“Noi non vogliamo trasformare Sarno in un teatro della politica né in un parco giochi. La nostra città e le esigenze dei cittadini sono protagonisti, non comparse: a noi non interessano le beghe personali di alcuni amministratori. E’ troppo tardi adesso per rinnegare quanto è stato fatto, è troppo presto invece per dimenticare lo stato di abbandono e lo stop insensato in cui si trova ad esempio l’area industriale di Via Ingegno. Chi ha diretto AgroInvest ed avuto ruoli provinciali importanti negli ultimi cinque se non addirittura dieci anni, sa benissimo di chi è la colpa della morte occupazionale del nostro territorio”. Lo ha detto Antonio Crescenzo candidato a sindaco a Sarno.

A chi tenta di trovarmi alleati che non ho mai avuto, posso solo dire: tutti sanno che Sarno, al di là dell’amministrazione comunale, è stato gestito da un triumvirato e di sicuro in questo io non c’ero. Non ero parte di questa allegra combriccola di fratelli” così il candidato sindaco Antonio Crescenzo dice la sua in merito all’attuale situazione politico amministrativa in cui si trova il Comune di Sarno alla vigilia delle elezioni. “Sarno deve ripartire dalla cose buone fatte da questa amministrazione comunale che oramai è arrivata al capolinea. Io penso che la rinascita della nostra città debba passare obbligatoriamente attraverso le eccellenze e le potenzialità storico culturali e sociali di Sarno. E’ impensabile solo provare a cancellare la nostra storia.

Il primo passo che farò da sindaco è quello di valorizzare le risorse che il nostro splendido territorio già possiede per natura e tradizione. Dalla vocazione agricola, a quella industriale. Dalla cura dei beni archeologici, alla riorganizzazione amministrativa del Comune di Sarno. Io punto a migliorare le condizioni di vita dei cittadini” continua Crescenzo “Cambiamo il metodo della classe politica che negli ultimi cinque anni ha governato la nostra città. Basta beghe di palazzo, basta inciuci. Noi non vogliamo trasformare Sarno in un parco giochi o nel paese dei balocchi: penso che in questo ultimo decennio la Provincia abbia già giocato troppo con questa città mettendo il futuro dei giovani e quello della nostra storia in serio pericolo”.

Donazione sostieni il Gazzettino Vesuviano
Condividi
PrecedenteAcerra: proposta la cittadinanza onoraria al Vescovo emerito Mons. Antonio Riboldi
SuccessivoVesuvio 70 anni fa l’ultima eruzione
Il giornale “il Gazzettino vesuviano”, fondato nel 1971 da Pasquale Cirillo e attualmente diretto da Gennaro Cirillo, si interessa principalmente delle tematiche legate al territorio vesuviano e campano; dalla politica locale e regionale, a quella cultura che fonda le proprie radici nelle tradizioni ed è alla base delle tante associazioni e realtà che operano sul territorio.Siamo impegnati a garantire la massima qualità e la massima integrità nel nostro lavoro giornalistico. Ci impegniamo a mantenere alti standard etici e professionali, evitando qualsiasi conflitto di interesse che possa compromettere la nostra indipendenza e la nostra imparzialità.Il nostro obiettivo è quello di fornire ai nostri lettori notizie e informazioni affidabili su una vasta gamma di argomenti, dalle notizie di attualità ai reportage approfonditi, dalle recensioni ai commenti e alle opinioni. Siamo aperti a suggerimenti e proposte dai nostri lettori, e ci impegniamo a mantenere un dialogo aperto e costruttivo con la nostra community.