La Messa della Domenica delle Palme in piazza XI Settembre

233

Omelia di Don Salvatore Purcaro - Domenica delle Palme - Brusciano 13.4.2014Il 13 aprile si è celebrata nel mondo la Domenica delle Palme da parte dei Cattolici, degli Ortodossi e dei Protestanti. Brusciano, in questa mattinata di inizio della Settimana Santa, è stata segnata da una cerimonia religiosa che ha attratto l’intero popolo dei fedeli in Piazza XI Settembre per seguire, nella Santa Messa, la Liturgia della Parola ed a partecipare alla Liturgia Eucaristica. Si sono intensamente susseguiti i vari momenti dalla Commemorazione dell’ingresso di Gesù a Gerusalemme, alle Letture dal Vangelo, all’omelia di Don Salvatore Purcaro che con i concelebranti sacerdoti vestiva la casula rossa, a simboleggiare il dono dello Spirito Santo che alimenta la capacità di testimoniare la propria fede fino al martirio.

Il Parroco, Don Salvatore, ha illustrato la Teologia della Croce chiamando ognuno dei fedeli ad assumersi nella cristiana vita quotidiana le proprie responsabilità, a non scaricarle sugli altri e piuttosto ad attivarsi nell’espressione personale del perdono.
Nella sua azione pastorale questo giovane prete sta segnando Brusciano in una progressiva educazione alla fede con un ministero sacerdotale ora illuminato anche dalla semplicità e dalla potenza dell’esemplare figura di Papa Francesco.

Don Salvatore, durante l’omelia, nel commentare le letture del giorno ha invitato i suoi parrocchiani ad incrementare i segni di carità verso i più poveri e bisognosi :“Tante famiglie prese dalle bollette hanno qualcosa da saldare, noi aiutiamo con la mensa, la cena. Le risorse sono quelle, preghiamo dunque, ma non basta pregare, occorre fare offerte coraggiose. Aiutare coloro che hanno bisogno, ma non è il pacco a promuovere la persona umana”; a vivere nella integrazione sociale e nella piena dignità umana di tutti: “Capisco le differenze fra Nord e Sud del mondo, ma non quelle evidenziate in uno stesso paese. Siamo una sola famiglia!”; a maturare una fede adulta e responsabile: “In questi giorni è assidua la richiesta di benedizione della casa. E’ per suggestione, per magia? Allora no! Meglio partecipare di più alla Messa. Non esistono cristiani non praticanti!”; a riflettere sul pendolarismo, tra fede e peccato, “Quando si bestemmia prendendosela con chi non c’entra”.

La numerosissima platea dei fedeli ha ricevuto in chiusura la benedizione impartita da Don Salvatore dal palco delle grandi cerimonie, fornito dall’Amministrazione Comunale, che per questa occasione era dominato da una grande Croce a ricordare il sacrificio di Cristo ed a simboleggiare l’abbraccio salvifico per tutta l’umanità. L’intera celebrazione è stata supportata da drammaturgia, musiche e canti del coro guidato dalla chitarrista Gelsomina D’Amore e dal giovane direttore Francesco Cimitile. Con la Comunità di Brusciano erano presenti il Sindaco Giosy Romano ed il Vicesindaco Giuseppe Negri con le rispettive consorti, gli Assessori ed i Consiglieri Comunali.

Il Primo Cittadino ha espresso “a tutti i bruscianesi gli auguri per la Domenica delle Palme e nella condivisione della fede cattolica, ci apprestiamo a rivivere la Settimana Santa fino alla Pasqua, raccogliendo dal sacrificio di Cristo il messaggio di salvezza e facendoci testimoni nell’impegno delle quotidiane attività, responsabilmente rese da ognuno nei propri ruoli e funzioni. Colgo l’occasione per rinnovare stima ed affetto al nostro Parroco, Don Salvatore Purcaro, mentre rivolgo un saluto speciale al nostro Vescovo, Mons. Beniamino Depalma. Auguri a tutti”.