Pozzuoli: scoppia lo scandalo “pacchetto finanza”

300

Guardia di Finanza Auto(259)Esplodono le polemiche a Pozzuoli all’indomani dell’incursione del cronista del programma televisivo “Le iene” al termine  del consiglio comunale. Gravissime le accuse mosse al consigliere comunale di maggioranza Ciro Del Giudice che in combutta con almeno un altro responsabile ( si parlerebbe di un Maresciallo della Finanza in servizio presso il Comando Generale)  avrebbe messo su una vera e propria compra vendita di posti nella Guardia di Finanza con tanto di tariffario.

Venticinquemila euro per “entrare” come finanziere semplice, cinquantamila come maresciallo.  Il tutto ripreso da una telecamera nascosta che immortalerebbe la trattativa tra il consigliere Del Giudice e potenziali “acquirenti” di quello che potremmo definire con amara ironia “pacchetto finanza”. Perentoria la condanna del sindaco di Pozzuoli Vincenzo Figliolia :

“ Il consigliere Ciro Del Giudice – ha dichiarato il primo cittadino – risponderà delle sue azioni nelle sedi competenti. Ovviamente l’Ente Comune di Pozzuoli, come si evince anche dalle riprese mostrate, è completamente estraneo a tale vergognosa vicenda. Tale precisazione è doverosa nel rispetto di chi quotidianamente si adopera con onestà e professionalità alla salvaguardia di Pozzuoli. Mi auguro che il buon senso e la maturità civile del consigliere Del Giudice lo inducano a rassegnare le dimissioni e far chiarezza su una vicenda gravissima che comunque getta fango sull’onorabilità della classe politica puteolana”.

I maligni incalzano : nei corridoi del palazzo di città qualcuno si chiederebbe come mai solo oggi siano emerse vergognose vicende forse già note da tempo negli ambienti politici locali. Il sospetto è che l’intera faccenda possa essere scaturita dalla rabbia e dalla conseguente segnalazione alle “Iene”  di qualche “aspirante finanziere”  sprovvisto dei mezzi economici necessari per realizzare l’arruolamento  truffaldino .   Avvilente costatare come purtroppo nulla sia cambiato, come i sogni e le speranze dei giovanissimi continuino a naufragare sullo scoglio della corruzione e della collusione di indegni rappresentanti delle Istituzioni.

Alfonso Maria Liguori

Share
Condividi
PrecedenteLargo San Luigi, Sel: “Opere abusive o scambio politico-mafioso?”
SuccessivoPositivo il day after Tabacci ad Ercolano
avatar
Pubblicista, con formazione scolastica classica e frequenza universitaria presso l'Ateneo Federico II di Napoli (corso di Laurea in Filosofia). Dal 2003 "Aml" è nato, giornalisticamente parlando, con il settimanale diocesano della Curia di Napoli "Nuova Stagione". Successivamente collabora con Cronache di Napoli, con Metropolis, con Napoli Più, svolgendo nel contempo attività di pubbliche relazioni e portavoce di politici. Impegnato nel sociale nel 2003 ha preso parte ad un progetto sociale per il recupero di minori a rischio promosso dall'associazione onlus "Figli in Famiglia" in collaborazione con il Tribunale per i Minori di Napoli. Ha curato eventi di solidarietà per associazioni onlus in favore di noti ospedali partenopei in collaborazione con l'Ubi Banca Popolare di Ancora. Ha diretto la trasmissione televisiva "Riflettori su Ercolano" (a sfondo sociale) per Tele Torre. Profondo conoscitore della strada e dei complessi meccanismi sociali che caratterizzano le problematiche di Napoli e della sua provincia, da anni collabora attivamente con il Gazzettino vesuviano.