Al varo la giunta Cimmino

261

gragnano comune newUltime battute per la squadra del sindaco Paolo Cimmino. Che è praticamente al completo, visto che sarà ufficializzata nelle prossime ore, ma alla quale manca ancora l’assegnazione di alcune deleghe. La novità è che gli assessori saranno cinque, sulla base dei conti “rifatti” dalla legge nazionale sui tagli ai costi della politica. E di questi, almeno due saranno donne, nel rispetto delle “quote rosa”. Dunque, sorprese a parte che comunque non sono del tutto da escludere, nello scranno di vicesindaco siederà Alberto Vitale, che sarà anche l’assessore all’Urbanistica.


In giunta entreranno anche Francescopaolo De Rosa (Gragnano Insieme), a cui andrà anche la delega alle Attività Produttive, Antonio Di Martino (Gragnano Bene Comune), con delega alle Politiche Sociali, la cui lista è stata determinante per la vittoria al primo turno della coalizione. Il nodo dell’Udc si risolve invece con la nomina di una donna: si tratta di Claudia Sicignano, che dovrà occuparsi di Lavori Pubblici. L’altra quota rosa individuata direttamente dal primo cittadino è invece Enza Perna (ex candidata alla Provincia con Sinistra e Libertà), a cui andrà la delega al Bilancio. Resta aperta invece la discussione sul futuro presidente del consiglio comunale. Il sindaco Paolo Cimmino ha delegato la scelta ai componenti dei vari gruppi di maggioranza. Per lo scranno di presidente, tuttavia, il nome più quotato resta quello di Giovanni Sorrentino (Rinnovamento Democratico Gragnanese), ma si giocano qualche chance anche Patrizio Mascolo (Forza delle Idee) e Antonio D’Arco (Idea per Gragnano). Domani invece ci sarà la proclamazione degli eletti, a conclusione dei lavori della commissione elettorale riguardanti il riconteggio delle schede nella sezione 6 di via Marianna Spagnuolo, rimasta bloccata a causa di un errore del presidente di seggio. Nei prossimi giorni sarà convocato anche il primo consiglio comunale, che dovrebbe tenersi la prima settimana di luglio.

Francesco Fusco