Punta pistola e rapina una coppia: fermato 18enne

348

rapinaI poliziotti dell’Ufficio Prevenzione Generale della Questura di Napoli, hanno sottoposto a fermo di polizia giudiziaria, il 18enne del Quartiere San Lorenzo Danilo Capparelli. Il giovane è gravemente indiziato di aver rapinato, con due complici, una coppia in sella ad un motociclo mentre sostava ad un semaforo rosso.
Il fatto è avvenuto poco prima di mezzanotte mentre la coppia era ferma al semaforo dell’incrocio Via Foria – Via Rosaroll ed in compagnia di una coppia di amici, anche loro in moto, stavano per dirigersi al Vomero.

I tre giovani malviventi sono arrivati in sella ad un Honda SH, gli hanno bloccato la strada e con minaccia della pistola che uno dei tre impugnava, hanno rapinato il giovane napoletano del motociclo, un Honda Transalp e dell’orologio in metallo, marca Emporio Armani. Dopo la rapina i tre si sono dati alla fuga in direzione Piazza Carlo III.
Dopo qualche minuto è passato un equipaggio dei Nibbio dell’UPG, che informato di quanto accaduto, ha allertato la Sala Operativa della Questura che ha sua volta ha diramato le ricerche. Vittima e testimoni hanno quindi riferito con dovizia di particolari, tanto le caratteristiche dei rapinatori che del loro mezzo di trasporto.

Durante la notte, una pattuglia dei Carabinieri ha rintracciato l’Honda utilizzata per la rapina ma l’uomo in sella, alla loro vista si è dato alla fuga a piedi in un vicoletto di Via Foria. Il motociclo è stato quindi sequestrato e sotto la sella, è stato trovato l’orologio Armani, una felpa ed un cappellino poi risultati utili ai fini dell’identificazione del rapinatore.
Il caso ha voluto che durante la notte, altri due poliziotti dell’Ufficio Prevenzione Generale, hanno eseguito un Fermo della Procura a carico del 20enne Nicolas Brunetti, anche lui del Quartiere San Lorenzo, in quanto gravemente indiziato di concorso in rapina aggravata e lesioni personali aggravate. Essendo l’Honda utilizzata per la rapina dell’incrocio a lui intestata, gli è stato chiesto dove si trovasse. Ignaro di quanto accaduto poco prima, il 20enne ha dichiarato che il mezzo era da alcuni giorni in uso al cugino Danilo Capparelli.
Le foto di quest’ultimo, mostrate alla vittima della rapina ed ai suoi amici hanno confermato i sospetti. I poliziotti si sono quindi subito recati presso l’abitazione del giovane dove lo hanno trovato nascosto sotto il letto e lo hanno sottoposto a fermo.

Donazione sostieni il Gazzettino Vesuviano