Dieci anni all’autista che travolse due giovani rapinatori a Posillipo

312

smart posillipoCondannato a dieci anni di reclusione per omicidio volontario Leonardo Mirti, il giovane che lo scorso agosto, in via Posillipo a Napoli, investì e uccise con la propria auto i due ragazzi che poco prima lo avevano rapinato assieme ad altri due complici.

La pena comminata è stata minore rispetto ai dodici anni richiesti dall’accusa. Accolta la tesi dell’omicidio volontario sostenuta dal pm Ranieri e dall’avvocato di parte civile Giuseppe De Gregorio. Mirti, dunque, si sarebbe vendicato della apina subita inseguendo i rapinatori e lanciando a tutta velocità la sua Smart contro i due giovani che tentavano la fuga su uno scooter.

Quell’azione determino appunto la morte di Alessandro Riccio, 18 anni, da poco diventato padre e di Emanuele Scarallo non ancora 17enne, destinato a diventare padre pochi giorni dopo il fatto, entrambi già noti alle forze dell’ordine per reati contro il patrimonio: Emanuele Scarallo era uscito dal carcere minorile nel mese di luglio 2013 dopo aver scontato una condanna per rapina.

La sentenza è stata emessa poco fa, al termine del processo con rito abbreviato, dal gup Ludovica Mancini. Per la difesa si era trattato di omicidio preterintenzionale.

 

GUARDA IL VIDEO

 

.

Share

Lascia una risposta