Insegna del Municipio danneggiata, i grillini scrivono all’amministrazione

283

10551427_573087322801684_6981224316693435430_oPorta la data di mercoledì 23 luglio il nuovo documento protocollato dagli attivisti del Movimento 5 Stelle Scafati (Scafati in Movimento) in cui vi sono due richieste specifiche e alquanto singolari presentate all’amministrazione comunale.
Oltre al pressing sulla questione fontanine pubbliche e spreco di acqua, dove i grillini scafatesi lanciano un vero e proprio ultimatum al fine di riparare entro sette giorni la fontana di fronte Palazzo Mayer, stavolta a destare l’interesse degli attivisti pentastellati è l’insegna danneggiata presente sullo stesso Municipio.

Con queste parole gli attivisti Salvatore Zenna, Giuseppe Sarconio, Antonio Perrino e Gennaro Avagnano descrivono le loro nuove battaglie: “Chiediamo l’immediata riparazione della fontana situata all’esterno del portone del Comune; è diventato impossibile non notare l’immane spreco di acqua che si perpetua quotidianamente di fronte agli occhi di chi amministra la nostra città. Come è possibile che i funzionari, gli assessori, i consiglieri e lo stesso sindaco non notino questa spiacevole situazione a pochi passi dal palazzo comunale? La ditta di Angri “Europa Verde” che percepisce ben 2.200€ per la manutenzione della fontana sembra latitare; qualora entro 7 giorni dalla presentazione della nostra richiesta non siano presi i dovuti provvedimenti, provvederemo a nostre spese ad ovviare alla risoluzione del problema.

La seconda singolare richiesta riguarda la riparazione dell’insegna ‘MUNICIPIO’ di Palazzo Mayer. E’ davvero triste leggere ‘cipio’ anziché ‘MUNIcipio’ . L’Associazione Scafati in MoVimento chiede al Sindaco Pasquale Aliberti e a tutti i rappresentanti dell’amministrazione cittadina un impegno concreto per ripristinare l’insegna. A tal fine abbiamo anche chiesto un preventivo secondi cui la spesa per la scritta sarebbe di circa 700€ + IVA. Proponiamo a codesta amministrazione ed alle persone sopra elencate di contribuire nella somma quantificata in euro 30 al fine di dare almeno una giusta immagine a quello che è uno dei simboli della Casa Comunale. La nostra è una proposta formulata in via puramente eccezionale
nella consapevolezza che non si possono risolvere le varie problematiche chiedendo soldi ai rappresentanti dell’amministrazione comunale, ma per casi estremi, estremi rimedi”.

Lascia una risposta