Ok alla nuova legge sul turismo, in Regione soddisfazione bipartisan

palazzo-regione-campania-santa-lucia“In Campania abbiamo il petrolio – lo ha detto l’assessore Bianca D’Angelo commentando l’approvazione della legge sul turismo – Ora che la legge è stata approvata lavoreremo in Giunta affinché si raggiungano al più presto gli indirizzi delle linee programmatiche dettati dalla legge. Il turismo in Campania è come il petrolio per gli arabi ed è ora che lo comprendano tutti, con il nostro petrolio la regione può decollare”.

La Regione Campania ritrova il suo fascino e riconquisterà il tempo perduto. Lo ha affermato la consigliera di Forza Italia Mafalda Amente commentando l’approvazione della legge sul turismo – Questa regione è bistrattata, ma con le più grandi bellezze del mondo potrà ora ripresentarsi all’attenzione del turismo mondiale con una legge che dopo oltre trent’anni mette ordine in un settore fondamentale per l’economia e detta le basi per la ripresa dell’occupazione in una regione che ne ha seria necessità”.  

“È passata la nostra idea di governance per il turismo della Campania, condivisa anche dalle associazioni di rappresentanza del settore e dal sistema camerale: la Campania si dota di un’Agenzia agile nella sua struttura, che ci auguriamo possa essere autorevole e rappresentativa nella sua capacità di programmazione e in grado di favorire l’incontro tra pubblico e privato”. Così il vicecapogruppo regionale del PD, Antonio Marciano.

“Il Partito Democratico ha dato il proprio contributo di merito alla ricerca di soluzioni per dare una visione strategica di questo settore come principale asset dell’economia regionale, favorendo in modo particolare le attività dei giovani campani che vogliono investire in attività turistiche. Vanno in questa direzione gli emendamenti proposti e approvati all’unanimità, come quello che prevede di promuovere gli interventi in beni confiscati alla criminalità organizzata, dando priorità proprio alle iniziative proposte da cooperative o consorzi di cooperative sociali formate da giovani di età inferiore ai 35 anni, che avranno un titolo di preferenza anche negli avvisi pubblici annuali promossi dall’Agenzia, oppure quello che consente di sostenere il ruolo delle imprese operanti nel settore anche attraverso la collaborazione con gli Istituti secondari superiori e il sistema universitario, italiano ed europeo, istituendo anche borse di studio e stage formativi”, spiega il consigliere.

“Ma bisogna inquadrare la legge per quello che è il suo significato, e cioè una struttura, e aggiornare il quadro normativo e legislativo di riferimento con le novità subentrate in campo nazionale ed europeo. Si sarebbe però potuto fare di più per un settore fondamentale come il turismo, e permangono forti criticità su questo testo, che non risponde pienamente ai bisogni del comparto e rimane appesantito da iniziative individuali da parte di colleghi della maggioranza, alle quali il Governo ha dovuto sottostare per mantenere il voto in Aula. Per questo motivo abbiamo scelto di confermare il voto di astensione”, conclude Marciano.

Oggi in Consiglio Regionale si è raggiunto un grande  successo per l’approvazione dopo ben 32 anni della nuova legge sul turismo in Regione Campania. Ora la Campania può ripartire, essere al passo e sopravanzare le grandi regioni d’Italia che fondano la propria economia sul turismo. Così come aveva auspicato il Gruppo Forza Italia in Consiglio Regionale la tenacia e l’impegno di tutti i consiglieri del Gruppo – ha dichiarato il Presidente On.le Gennaro Nocera – ha portato al raggiungimento di uno dei capisaldi individuati dal Partito. Il turismo è garanzia per una prossima ripresa dell’economia e del lavoro. La prova di compattezza sui grandi temi dimostra che ancora una volta la maggioranza è forte e coesa in Consiglio Regionale”.

Share

Lascia una risposta