Aversa Volleyball, parla il patron Di Meo

0
202

volley xSport di squadra, sport d’insieme, sport di gruppo. Nessuno mai, come la pallavolo, è capace di tenere uniti un sestetto di ragazzi. Se poi, i ragazzi, ci mettono una buona dose di testa, cuore e passione arrivano anche i risultati. Oggi come ieri. Vittorie di cui, passeranno gli anni, e quei ragazzi, oramai cresciuti conserveranno il ricordo in ogni suo particolare. Lo ricorderanno i ragazzi della stagione appena trascorsa e lo ricordano bene anche i ragazzi di qualche stagione fa. Sergio Di Meo, presidente della Exton VolleyBall Aversa, e l’amico di sempre, Francesco Liguori, rinomato avvocato nonché direttore generale della società, che nel 1983 scrissero una delle più belle pagine della storia della pallavolo giovanile:

Ricordo come oggi quella giornata e tutte le emozioni che colorarono la storica vittoria del campionato nazionale under 17. Noi, un piccolo gruppo di ragazzini, eravamo campioni d’Italia della stagione dell’83”.

Una vittoria figlia del gioco di squadra e frutto di una passione che non conosce stagioni. Una passione che ha attraversato immutata gli anni e che tiene ancora uniti il presidente e il direttore generale della brigata normanna

Quando non c’è stata la pallavolo è mancato qualcosa ad aversa e nelle nostre vite. L’idea di farla ritornare, in tutto il suo splendore, ‘ho accolta con entusiasmo, farne parte poi, ha voluto dire per me rivivere un sogno. Quella di Sergio è stata un impresa della quale non potevo non fare parte assieme ovviamente a tanti amici”

Un entusiasmo contagioso quello del presidente Di Meo che oggi come ieri è riuscito a far scendere in campo, al suo fianco, gli amici più cari:

Il rapporto con Sergio va al di là dello sport, ci lega una trentennale amicizia nata ai tempi del liceo, durante i quali, è stato un punto di riferimento per me – continua l’ Avv. Scaringia, uno dei nuovi dirigenti dell’ Exton – Vengo da un progetto calcistico, accostarmi al mondo della pallavolo è motivo di grande gioia, sia per il doppio filo che mi lega a Sergio, sia per la passione dedicata a questo sport, l’impegno sarà massimo”.

 

Parole e musica alle quali si uniscono i nomi di altri professionisti che arricchiranno la rosa dirigenziale della Exton quali, il Dott. Giovanni De Paola, il Dott. Agostino Sozio e il Dott. Agostino Abate.

Nasce così una grande nuova famiglia, pilastro necessario della grande nuova avventurA …

 

Sognare è di tutti. La tenacia, per rendere il sogno realtà, è di pochi. La strada verso quel sogno, il presidente Sergio Di Meo la sta percorrendo assieme ad una città intera. Il compito di convertire sforzi e speranze in punti è stato affidato ad un gruppo di giovani con la testa ed il cuore nella pallavolo. Un gruppo che, per la prossima stagione ,si arricchirà delle presenze dei fratelli Libraro e di Giuseppe Saccone. Volti nuovi che si uniranno a quelli dei “guerrieri” che lo scorso anno sono stati protagonisti di una stagione da sogno. Tra loro un libero, in campo, di nome, Francesco, che di cognome e di fatto, è Ardito:

“L’anno scorso abbiamo avuto una coesione magnifica di gruppo è siamo sempre stati con la testa rivolta alla obiettivo comune, vincere il campionato. Quest’anno non possiamo ancora sapere con certezza cosa ci attende. Tutto ciò che sappiamo con certezza e che in campo metteremo, ancor più di ieri, voglia, grinta e determinazione.”

 

Campionato nuovo, avventura nuova ma obiettivo invariato. Rimane immutato, nella mente dei tifosi, il sogno, di vedere di nuovo la A2, al maschile, nella contea normanna. Una promessa fatta e ribadita dal presidente Di Meo.

“Ho rifiutato di andare fuori a fare la b1 qualche anno fa perche volevo volevo conquistarmela sul campo della mia città. Ho rifiutato anche la A2 lo scorso anno per le stesse motivazioni. Voglio, e lavorerò sodo per questo. Sono certo che questo desiderio è pienamente condiviso dalla nostra città e dai nostri tifosi”.

 

Una menzione speciale, va proprio ai supporter della compagine normanna, ai quali Ardito invia un messaggio speciale:

“Sogno il palazzetto sempre pieno come con Lagonegro l’anno scorso. Il calore, l’affetto e la carica che mi trasmisero i tifosi mi hanno permesso di giocare una delle più belle partite della mia carriera”.

 

 

E penando al palazzetto che sarà, Gabriele Falanga, vivrà, questo scorcio d’estate, con un po’ di impazienza:

“C’è una certa nostalgia del palazzetto, del pubblico e di tutto quello che è la nostra pallavolo. A breve ritorneremo con più carica, con più energia e con un nuovo sogno da realizzare”

Un nuovo anno che Falanga e compagni vivranno con i nuovi acquisti

“Sono tutti volti noti della pallavolo campana. Sono anche, e soprattutto amici. Con Saccone abbiamo giocato insieme a Casoria, in B1, e al Cus Napoli in B2. Anche con Figliolia ho vissuto una bella stagione. Il bello di questo sport è anche questo ritrovare amici, ritrovare sintonia, di gruppo e di gioco. A tutti loro un immenso benvenuto e all’intera squadra, ovviamente, un in bocca al lupo anticipato”.

 

Ufficio Stampa

Volley Ball Aversa