Ercolano implode sotto il peso di incuria, indifferenza e inadempienze

198

ercolano-comuneImplode Ercolano e lo fa sotto il peso di colpevoli inadempienze da parte dell’amministrazione comunale e delle istituzioni preposte, sulla carta, al monitoraggio del “controllore”.

Disservizi, barriere architettoniche e anarchia comportamentale inquinano la quotidianità di un paese ostaggio perenne del qualunquismo spicciolo. Troppo poco amore da parte di chi ha l’onore di rappresentare pubblicamente questa terra nei confronti di un paese vesuviano che non riesce a riscattare immagine e credibilità  agli occhi del palinsesto turistico mondiale.

Per troppo tempo si è gridato esclusivamente al successo nella lotta ai clan malavitosi locali, ci si è impantanati nel raccontare la storia criminale e il conseguente pentimento del boss di turno senza investire nella formazione qualitativa dei giovani e soprattutto nel rilancio dell’impresa locale.  Impresa sana, al passo con i tempi e capace di creare occupazione “concreta” in città. Troppe le farse che negli anni hanno minato le speranze dei giovani ercolanesi, troppi i clientelismi, gli atteggiamenti dispotici e i campanilismi per credere ancora nella classe politica indigena.

Alle urne contano i voti e i potenti “storici” di Ercolano li avranno sempre, che piaccia o meno all’onesto contribuente ercolanese. Per uscire dalle impietose logiche di un sistema tanto datato quanto bacato che da decenni logora l’humus attivo di Ercolano occorrerebbe investire su giovani esponenti politici avulsi a qualsiasi condizionamento estraneo alla logica del benessere comunitario.

“Crediamo ancora alle favole…”: questo l’amaro commento degli addetti ai lavori in merito alla speranza di poter essere governati da “gente nuova con idee nuove” in grado di risollevare le sorti di una delle comunità più rappresentative dell’hinterland vesuviano.

Alfonso Maria Liguori

Share
Condividi
PrecedenteL’alba magica di Agerola: sospesi tra mare e cielo in attesa del sorgere del sole
SuccessivoVisite gratis fino a mezzanotte alla mostra su Leonardo per Ferragosto
avatar
Pubblicista, con formazione scolastica classica e frequenza universitaria presso l'Ateneo Federico II di Napoli (corso di Laurea in Filosofia). Dal 2003 "Aml" è nato, giornalisticamente parlando, con il settimanale diocesano della Curia di Napoli "Nuova Stagione". Successivamente collabora con Cronache di Napoli, con Metropolis, con Napoli Più, svolgendo nel contempo attività di pubbliche relazioni e portavoce di politici. Impegnato nel sociale nel 2003 ha preso parte ad un progetto sociale per il recupero di minori a rischio promosso dall'associazione onlus "Figli in Famiglia" in collaborazione con il Tribunale per i Minori di Napoli. Ha curato eventi di solidarietà per associazioni onlus in favore di noti ospedali partenopei in collaborazione con l'Ubi Banca Popolare di Ancora. Ha diretto la trasmissione televisiva "Riflettori su Ercolano" (a sfondo sociale) per Tele Torre. Profondo conoscitore della strada e dei complessi meccanismi sociali che caratterizzano le problematiche di Napoli e della sua provincia, da anni collabora attivamente con il Gazzettino vesuviano.

Lascia una risposta