Ospedale di Boscotrecase: visita dei senatori Langella e Auricchio

261

boscotrecase-ospedaleVisita “ispettiva”, questa mattina, per i senatori Pietro Langella (Ncd) e Domenico Auricchio (Fi) che si sono recati prima all’ospedale civile di Boscotrecase (Na), poi al campo sportivo “Vittorio Pozzo” di Boscoreale (Na), per vedere, con i loro occhi, in che stato versavano le due strutture. Nei giorni scorsi, i due parlamentari (entrambi originari del Vesuviano) hanno deciso di unire le forze stringendo un patto territoriale che esula i rispettivi steccati politico-ideologici.

“Nella nostra tappa all’ospedale di Boscotrecase – hanno spiegato Langella e Auricchio – abbiamo ravvisato numerosi punti di forza, ma anche criticità che non possono essere sottaciute. In radiologia, ad esempio, manca il personale per i turni serali e l’impianto della Tac, nonostante sia perfettamente efficiente, non può essere messo in funzione perché… ostruito dalla presenza di alcuni laboratori. Eppure sarebbe bastato spostarlo al piano superiore per risolvere il problema. All’ingresso del nosocomio, poi, regna il degrado più totale con erbacce altissime che nessuno si è procurato di estirpare”. “Nonostante queste ed altre carenze – hanno ribadito Langella e Auricchio – il personale fa miracoli producendosi in grossi sforzi per portare avanti l’ospedale in maniera eccellente. Abbiamo intenzione di chiedere un incontro al direttore generale dell’Asl e non escludiamo di portare il caso all’attenzione del governatore Caldoro e finanche al Ministro della Salute se occorrerà”.

Nel corso della loro visita, Auricchio e Langella si sono fermati anche al campo sportivo di Boscoreale. “Abbiamo avvisato il comandante dei Vigili Urbani – hanno sottolineato i due senatori – ed abbiamo atteso un’ora che ci portassero le chiavi per entrare nell’impianto ma, una volta dentro, ci siamo resi conto che il campo è diventato inservibile. La struttura cade a pezzi, i servizi sono ormai fatiscenti e, cosa gravissima, sono stati rubati tutti i cavi dell’impianto elettrico di illuminazione”. “Spero che il sindaco di Boscoreale mi chiami – ha ammonito il boschese Langella – perché ho intenzione di parlargli. A un anno dal suo insediamento, non ha fatto praticamente nulla per salvaguardare il ‘Pozzo’. Tutto ciò è semplicemente vergognoso. Sarebbe bastato un semplice servizio di vigilanza per preservare l’impianto dalla rovina”.