Santa Caterina, emergenza crolli e amianto

309

48 amianto via cognulo“Nei quartieri dove il sole del buon Dio non dà i suoi raggi ha già troppi impegni per scaldar la gente d’altri paraggi…”, cantava De Andrè nel lontano 1965. Niente di più attuale per Castellammare: mentre molte città, come la vicina Salerno, hanno puntato proficuamente sulla riqualificazione dei centri storici, per la Stabia le antiche viuzze continuano ad essere dimenticate. I presupposti per un riscatto sociale ed economico del quartiere ci sarebbero tutti: la vicinanza al porto, la presenza delle storiche fontane, i numerosi ristorantini e chalet.

Sarebbe facile pensare che il vero ostacolo alla riqualificazione di Santa Caterina possa essere il quartiere stesso. Sarebbe fin troppo scontato puntare il dito contro quello che per molti è ritenuto ancora una storica roccaforte dello spaccio e della malavita stabiese. Ragionando così si cadrebbe in una logica anacronistica, non si farebbe altro che sprofondare in uno scontato pregiudizio. Santa Caterina non è più quella degli anni ‘90, quando di sera non si poteva camminare perché le strade e le viuzze erano controllate dagli spacciatori e dai loro sgherri. All’epoca i cittadini onesti erano impotenti, non potevano fare altro che stare in casa e sperare che la nottata passasse presto. Oggi, sebbene molti problemi siano gli stessi di vent’anni fa, è cambiato qualcosa dal punto di vista sociale e chi vorrebbe una Castellammare di prima classe fatta di negozi illuminati e gente perbene, ed una Castellammare di seconda classe fatta di quartieri degradati ed abitanti omertosi, si sbaglia di grosso.

Quello che sta succedendo negli ultimi tempi a Santa Caterina ne è la prova: da una parte l’emergenza crolli di calcinacci, i palazzi pericolanti, e l’incubo dei depositi di amianto; dall’altra l’attivismo, la dignità e la voglia di riscatto di molte persone. L’esempio lampante è un palazzo diroccato in via Cognulo. L’edificio, abbandonato dal terremoto dell’80, dopo numerose segnalazioni dei residenti è stato oggetto di un intervento straordinario di pulizia e sbancamento ad opera di una ditta incaricata dal comune. In questo caso sembrava che le istanze dei cittadini fossero state ascoltate, fino a quando, sotto le macerie e i rifiuti, sono spuntati grandi cumuli di amianto. Il pericoloso ritrovamento ha determinato la sospensione dei lavori ma soprattutto un intollerabile caos. L’amianto non è stato inizialmente coperto e l’area non è stata adeguatamente messa in sicurezza, addirittura nei giorni subito successivi sono stati i residenti a bagnare l’amianto per evitare che il vento potesse disperderne le polveri. Solo pochi giorni fa è intervenuta un’altra ditta per mettere in sicurezza l’area con della vernice idroprima per amianto e ricoprendo i cumuli con un telone. Ma la storia non finisce qui, è facile capire che oltre al pericolo di un crollo imminente, si aggiunge ancora l’incubo dell’amianto visto che la messa in sicurezza non è stata effettuata come di dovere: non basteranno della vernice, un telone impermeabile e delle reti di ferro messe a casaccio a far dormire sonni tranquilli ai residenti.

Molti parlano di grave disorganizzazione nei lavori di sbancamento prima e nella messa in sicurezza dopo; si racconta di operai all’opera senza il rispetto di alcuna norma di sicurezza e dell’assenza di un tecnico preposto alla guida delle operazioni e di chicchessia in rappresentanza del comune. I cittadini non hanno intenzione di restare con le mani in mano, sono numerose le segnalazioni e le richieste dirette al poco distante Palazzo Farnese.

“Chiediamo la messa in sicurezza e la riqualificazione del quartiere, adeguata illuminazione, cassonetti per la spazzatura, maggiore presenza dei vigili urbani ed in generale una effettiva considerazione da parte dell’amministrazione comunale”, ha affermato Vincenzo Garofalo presidente del Comitato Centro Storico Stabia Plinio Seniore. Quest’ultimo, insieme all’associazione Myo, è stato tra gli organizzatori lo scorso 26 luglio dell’iniziativa “Santa Caterina quartiere aperto” che ha visto la partecipazione di tremila persone accolte con balli popolari, eventi artistici e culinari. In quell’occasione e nei giorni successivi a spese dei residenti sono stati creati murales e comprate luci ed intonaco per abbellire i punti più degradati.

C’è ancora molto da fare e sono ancora tanti i residenti del quartiere da sensibilizzare. Santa Caterina non può essere più una zona da evitare ma deve trasformarsi in una risorsa per la città. Per questo è necessario un impegno convinto e costante da parte di tutti. Prima ancora di necessari e lungimiranti progetti di riqualificazione, occorre innanzitutto partire dagli interventi di messa in sicurezza oltre che da una maggiore presenza fisica di vigili urbani e perché no anche dei membri della giunta. Se è vero che poche persone, con pochi strumenti sono riuscite a popolare il centro storico con tremila persone in una sola sera, immaginate allora cosa succederebbe se ad essi si unissero la cittadinanza e l’amministrazione comunale.

Carmine Iovine

Share