Il nunchaku

678

nunchakuIl Nunchaku  è  un’arma tradizionale di tipo contundente a catena, radicata in paesi dell’Asia. Formata da due o tre bastoni legati tra loro da una catena o corda. Per lo più usata in arti marziali come il Karate il kung-fu ed il Jeetkunedo di Bruce Lee. Usato come strumento agricolo usato per battere il riso, divenendo cosi un’arma semplice da reperire in caso di difesa da predoni.

Tra il XIII E XIV molti cinesi migrarono nelle isole vicine Giapponesi tra cui Okinawa, fondarono una scuola di arti marziali insegnando l’utilizzo di armi non convenzionali come autodifesa. Il popolo di Okinawa era basato sull’agricoltura e non avendo la possibilità di comprare  armamenti costosi come i samurai accettarono di buon grado l’insegnamento del nunchaku. La lunghezza ideale del nunchaku è riprodotta dalla lunghezza dell’avambraccio, il diametro dall’estremità a di 3-5 cm fino a restringersi alla giuntura della catena di 2 cm, la lunghezza della catena e quanto la larghezza del palmo della mano più un anello della catena, questo permette un controllo ben definito sull’arma. La prima apparizione televisiva del nunchaku fu nel film “Dalla Cina con furore” dove Bruce Lee dimostra tutta la sua bravura nell’utilizzo di quest’arma. Rendendole onore e ammirazione proponendola in tutti i suoi capolavori cinematografici.

Non potevano poi mancare le parodie in diversi film sulla difficoltà di utilizzo  o addirittura improvvisando con qualunque oggetto unito da una corda. In commercio se ne possono trovare vari modelli, se ne possono trovare da allenamento che hanno una struttura interna di plastica ed una guaina esterna in spugna per evitare di farsi male imparandone il maneggio, ci sono quellErnesto Tarchii con catena o corda di giunzione, alcuni hanno le parti in legno circolari lisce tipo quelli cinesi altri hanno le parti contundenti  di forma esagonale tipo giapponesi, ne sono anche dei modelli telescopici come i bastoni utilizzati dalla polizia, negli ultimi tempi viste le sue applicazioni in esibizioni marziali si trovano in commercio anche modelli in plexiglass con luci che lo rendono visibile al buio dando un effetto delle spade laser in “Star Wars”.

I costi in commercio possono variare dai 8€ ai 35€ a seconda del modello e del materiale. La difficoltà di utilizzo di questa arma si trova nel suo maneggio, bisogna imparare a controllarla per non riceverla nel suo ritorno dopo il colpo si rischia di farsi male da soli. E’ un’arma imprevedibile, veloce e difficilmente intercettabile. Non e comoda come strumento di difesa personale viste le sue dimensioni, e chiunque ne conosce la pericolosità. Nei nostri corsi di Jeetkunedo K.I.F.M. impariamo ad utilizzarla per omaggiare il fondatore del sistema, Bruce Lee, ma anche per la sua affinità  di utilizzo , una cintura per pantalone, usata come un nunchaku in modo da diventare uno strumento di difesa su attacchi da più persone, armate di coltello,  bastoni o bottiglie, è un’arma molto usata nel difendersi.

 

Share