Bagnoli tra degrado e promesse di rilancio

0
68

Bagnoli OggiBagnoli invoca Matteo Renzi e lo fa in nome di una bonifica territoriale che il leader toscano ha promesso  di monitorare nel corso dell’ultima visita “lampo” nella zona. Lo scenario miserabile, sporco e fatiscente dei luoghi non muta : l’avevamo sottolineato, più volte ripetuto anche a prezzo della stessa incolumità dello scrivente. Invece dopo mesi lo stesso cumulo di immondizia occupa spiagge che si affacciano a tratti costieri non balneabili : teatro di “caccia” per venditori abusivi ( anche di alcolici)  e parcheggiatori non autorizzati  l’area in questione è situata tra via di Pozzuoli a Bagnoli e il primo tratto di via Napoli a Pozzuoli a ridosso di una scogliera ridotta a stabile dimora per ratti e blatte.

Affonda la periferia di Napoli sotto il peso colpevole di amministratori incapaci e politici corrotti e con essa le speranze dei tanti onesti  contribuenti che vi risiedono. Via Gianturco, Scampia, Barra, Ponticelli, Agnano , Bagnoli : ricettacolo di prostitute all’imbrunire dove è possibile trovare lestofanti di ogni genere dalle capacità offensive devastanti. Resiste la gente onesta di questi luoghi sperando in un miracolo , nell’attenzione delle istituzioni che ad oggi hanno usato e strumentalizzato Napoli mai amando realmente la città.

La capitale è lontana, così come la toscana e buona parte della  Lombardia : cosa importa quindi a chi è cresciuto in ambienti massonici dell’avvenire dei ghetti napoletani, dei sogni dei talentuosi giovani partenopei costretti ad elemosinare altrove quel minimo di vivibilità che gli amati luoghi natii non hanno mai garantito. Ancora una volta la massima autorità dello Stato , il presidente della Repubblica Giorgio Napolitano è chiamato ad intervenire per quanto meno arginare il mare di guano che soffoca un territorio  a cui lo stesso appartiene per origini e che quindi conosce profondamente. Ma si sa : i figli illustri di questa terra dimenticano e sovente “tradiscono” Napoli in nome dell’interesse personale e del cinismo, indispensabili per “crescere” all’interno del torbido sistema politico nostrano.

Alfonso Maria Liguori

Condividi
PrecedenteOttaviano, aula consiliare intitolata a Pasquale Cappuccio
SuccessivoTrecase: la Parrocchia Santa Maria delle Grazie elevata a Santuario Diocesano
avatar
Pubblicista, con formazione scolastica classica e frequenza universitaria presso l'Ateneo Federico II di Napoli (corso di Laurea in Filosofia). Dal 2003 "Aml" è nato, giornalisticamente parlando, con il settimanale diocesano della Curia di Napoli "Nuova Stagione". Successivamente collabora con Cronache di Napoli, con Metropolis, con Napoli Più, svolgendo nel contempo attività di pubbliche relazioni e portavoce di politici. Impegnato nel sociale nel 2003 ha preso parte ad un progetto sociale per il recupero di minori a rischio promosso dall'associazione onlus "Figli in Famiglia" in collaborazione con il Tribunale per i Minori di Napoli. Ha curato eventi di solidarietà per associazioni onlus in favore di noti ospedali partenopei in collaborazione con l'Ubi Banca Popolare di Ancora. Ha diretto la trasmissione televisiva "Riflettori su Ercolano" (a sfondo sociale) per Tele Torre. Profondo conoscitore della strada e dei complessi meccanismi sociali che caratterizzano le problematiche di Napoli e della sua provincia, da anni collabora attivamente con il Gazzettino vesuviano.