Rubano rame alla stazione, un napoletano e un algerino nei guai

Polizia sequestro rame (1)Gli agenti Prevenzione Generale hanno arrestato Renato Calabrese, napoletano di 65 anni, responsabile del reato di furto aggravato. Indagato in stato di libertà per lo stesso reato anche un algerino di 46 anni.

Ieri sera alle 21, su una nota della Sala Operativa, una Volante è intervenuta in via Nuova Agnano per una segnalazione di furto di rame sulla tratta ferroviaria Napoli-Campi Flegrei-Bagnoli.

Raggiunta la strada i poliziotti hanno individuato i due uomini di cui il Calabrese con un sacchetto al cui interno vi era una cavo di circa 20 metri tranciato e diviso in due parti.

Il rame era stato poco prima rubato dalla tratta ferroviaria all’altezza di via Nuova Agnano creando anche disagi alla stessa circolazione.

Calabrese, in attesa stamani del giudizio direttissimo, dovrà rispondere anche per interruzione di servizio pubblico.

Donazione sostieni il Gazzettino Vesuviano
Condividi
PrecedenteSi rinchiude in casa e si mette il pigiama per evitare l’arresto per evasione
SuccessivoAl via la IV edizione di “Suoni Divini Divino Vino”
Il giornale “il Gazzettino vesuviano”, fondato nel 1971 da Pasquale Cirillo e attualmente diretto da Gennaro Cirillo, si interessa principalmente delle tematiche legate al territorio vesuviano e campano; dalla politica locale e regionale, a quella cultura che fonda le proprie radici nelle tradizioni ed è alla base delle tante associazioni e realtà che operano sul territorio.Siamo impegnati a garantire la massima qualità e la massima integrità nel nostro lavoro giornalistico. Ci impegniamo a mantenere alti standard etici e professionali, evitando qualsiasi conflitto di interesse che possa compromettere la nostra indipendenza e la nostra imparzialità.Il nostro obiettivo è quello di fornire ai nostri lettori notizie e informazioni affidabili su una vasta gamma di argomenti, dalle notizie di attualità ai reportage approfonditi, dalle recensioni ai commenti e alle opinioni. Siamo aperti a suggerimenti e proposte dai nostri lettori, e ci impegniamo a mantenere un dialogo aperto e costruttivo con la nostra community.