Aerospazio, l’eccellenza si trova qui: ecco i droni del futuro

507

20140517_69972_dr4Monitoraggio dell’ambiente e del patrimonio archeologico grazie all’innovazione tecnologica nel campo dell’aerospazio: l’eccellenza del territorio si trova a Boscoreale. Nei giorni scorsi, alla presenza di numerosi rappresentanti delle istituzioni, si è tenuta la visita alla società “Eis srl” guidata da Giuseppe Cutolo durante la quale sono stati presentati i progetti “Dronescanner” e “Safety”. Il primo rappresenta un sistema evoluto di controllo del territorio dall’alto che utilizza la tecnologia innovativa di “on board data fusion sat/drone”; il secondo è un “microdrone” che potrebbe essere utilizzato in veri e propri sciami la formazione di ponti radio in caso di catastrofi. Presentata anche la nuova linea di droni, “Plus One” e “Plus Two”, a sezione variabile e realizzati in fibra di carbonio con un autonomia di 60 minuti ed equipaggiati con sensorista capace di monitorare diversi parametri ambientali.

La Eis, il cui sito industriale è localizzato a Boscoreale, è una società specializzata nella progettazione e realizzazione di apparecchiature elettroniche ad elevato contenuto tecnologico di sistemi integrati con parti elettromagnetiche. Nata nel ’93, l’azienda dà lavoro a dieci persone, ed ha realizzato i progetti con il contributo di Ali (Aerospace Laboratory for Innovative Components), società consortile senza scopo di lucro che raggruppa diciotto società che operano nel settore spaziale.

Delegazione

Alla visita hanno partecipato: Antonio Pentangelo, presidente Provincia di Napoli; Pietro Langella, senatore e membro della Commissione Difesa del Senato; Luigi Greco, consigliere comunale di Castellammare; Giovanni Squame, presidente Ali; Massimiliano Scarpetta, amministratore Foxbit; Marcello Ciobbo, amministratore Euro.soft; Raffaele Scognamiglio, amministratore Sma Campania; Gennaro Russo, direttore tecnico Distretto Aerospaziale Campano. “Investire nello sviluppo di nuove soluzioni tecnologiche è da sempre la strada maestra per sostenere l’economia e le imprese del territorio – ha dichiarato Luigi Carrino, Presidente Dac e Cira – e ancor più il trasferimento tecnologico, dal settore aerospaziale ad altri settori industriali, consente di promuovere la nascite di nuove imprese e di creare occupazione, riducendo notevolmente tempi, costi e rischi dello sviluppo. Per sostenere queste eccezionali capacità e competenze presenti nella nostra Regione occorre, però, adoperarsi affinché vengano eliminate le numerose diseconomie esterne alle imprese che non consentono a queste ultime di competere ad armi pari con la concorrenza straniera”.

“Investire nella ricerca industriale dà sempre i suoi risultati – ha dichiarato Antonio Pentangelo – Eis è infatti l’esempio di come un’azienda, con propri investimenti, è riuscita a posizionarsi in un alto segmento di mercato del settore aerospaziale con prodotti nuovi e competitivi.” “Eis è un orgoglio per il territorio di Boscoreale da cui provengo – conclude Pietro Langella.- In un momento di crisi e di chiusura di importanti società, è esaltaltante vedere come una piccola realtà sia riuscita, grazie solo alle proprie competenze e tenacia, ad inserirsi con successo in ambito internazionale in un mercato molto competitivo e dinamico come quello dell’alta tecnologia.” “Siamo un’azienda che progetta, realizza e commercializza apparecchiature elettroniche ed elettromagnetiche integrate con software dedicato. – ha concluso Cutolo della Eis – La riconosciuta esperienza, la costante ricerca di innovazioni tecnologiche, l’acquisizione di nuovi mezzi e figure professionali, consolidano il know-how aziendale e collocano l’azienda in una posizione di primo piano nel comparto high-tech”.

Francesco Ferrigno

Share