Tre punti preziosi per Miasuite Volley

247

vollaoplonti1MIASUITE VOLLEY VOLLA – AS. ISCHIA PALLAVOLO 3-1 (22-25, 26-24, 25-22, 25-15)

Una vittoria sofferta, con qualche atteggiamento fuori luogo di diversi addetti, una gara su cui riflettere anche per questo, utile ai fini del risultato e con Ischia che mostra un De Siano molto valido, che pur molto giovane, ha saputo dare parecchi grattacapi al Miasuite.

I padroni di casa iniziano tesi, mentre la squadra isolana è molto carica cominciando dall’allenatore Scotto di Marrazzo, che inizia con molto agonismo. Libraro entra per il doppio cambio con Rescigno riducendo uno strappo che la battuta di Armidoro aveva generato a favore degli ischitani, realizzando due ace, ma si fa prendere la mano dalla trance agonistica, aggiudicendosi qualche chiamata del primo arbitro dubbia. Verso il finale gli animi si accendono e Ischia porta a casa il set.

Al rientro in campo ammonizione per Miasuite e infine giusta penalizzazione a Di Costanzo, ma il culmine di un arbitraggio un po’ sopra le righe, si raggiunge con l’espulsione dell’allenatore della Miasuite Gianpaolo Caserta sul 12-11. La partita diventa ancora più confusa, c’è un punto a punto continuo, ma si conclude ai vantaggi con un’invasione di piede del posto 4 ischitano Buono.

Il terzo set ha la sua svolta con il doppio cambio di Rescigno- Libraro, si sfrutta al meglio l’attacco a tre e il turno di servizio di Libraro, ma sarà De Vito a siglare il punto del 24 e Cuccurese subentrato a Di Grazia a chiudere il set.

Il quarto set scorre con più tranquillità, se non fosse per il pc che esaurita la batteria crea qualche momento di confusione per il ripristino del referto elettronico, il Miasuite riparte e sfrutta prima il buon turno di Libraro, titolare dall’inizio e poi quello di Bruno, mentre Ischia dall’altra parte sembra rassegnata e neppure il cambio di regia di Amitrano per Di Costanzo, sortisce l’effetto desiderato.

Vince Miasuite, che sta cercando pian piano di riprendersi da un periodo negativo, pur con qualche difficoltà di amalgama, che con tante prime donne, non sempre è facile raggiungere.