La Cisl provinciale dice no al Punto Inps di Cava de’ Tirreni

matteobuonocislsalerno1CAVA DE’ TIRRENI – “A Cava de’ Tirreni non serve un altro patronato travestito da Stato”. Così il segretario generale della Cisl Salerno, Matteo Buono, interviene sulla possibile trasformazione della sede cavese dell’Inps in un Punto dell’istituto di previdenza sociale. “La politica non esulti per quello che in realtà è l’ennesimo schiaffo al territorio salernitano.

Il Punto Inps in realtà, infatti, svolge servizi che può già erogare un semplice patronato o anche lo stesso Comune. Quindi la vittoria dov’è? Si sta mistificando la vicenda, che così vedrebbe privata Cava de’ Tirreni di qualcosa di fondamentale”.

Inevitabile, l’appello all’amministrazione comunale: “Il sindaco Marco Galdi e il consigliere comunale delegato, Sabato Sorrentino, hanno dimostrato, con le ultime operazioni, di volersi impegnare affinché la chiusura venga scongiurata definitivamente”, ha continuato Buono.

“Ma serve uno sforzo maggiore e incisivo. Bisogna farlo per i tanti cavesi che in cambio della sede Inps rischiano di trovarsi un piccolo patronato pagato con i soldi dello Stato”. Da qui la proposta del sindacalista: “Il Comune individui nel suo vasto patrimonio immobiliare inutilizzato una sede idonea per ospitare l’Inps. Al sindaco Galdi non chiediamo di accollarsi le spese di fitto, ma di concedere nuovi locali per evitare questi servizi, fondamentali per il territori, vadano persi per sempre. Come Cisl pensiamo che si tratti di un atto dovuto per la cittadinanza cavese”.

Donazione sostieni il Gazzettino Vesuviano
Condividi
PrecedenteLotta ai rifiuti in mare: il Parco ripulisce il rivolo delle Fontanelle
SuccessivoCentro anziani in Villa Comune, intervengono l’assessore Pisacane
Il giornale “il Gazzettino vesuviano”, fondato nel 1971 da Pasquale Cirillo e attualmente diretto da Gennaro Cirillo, si interessa principalmente delle tematiche legate al territorio vesuviano e campano; dalla politica locale e regionale, a quella cultura che fonda le proprie radici nelle tradizioni ed è alla base delle tante associazioni e realtà che operano sul territorio.Siamo impegnati a garantire la massima qualità e la massima integrità nel nostro lavoro giornalistico. Ci impegniamo a mantenere alti standard etici e professionali, evitando qualsiasi conflitto di interesse che possa compromettere la nostra indipendenza e la nostra imparzialità.Il nostro obiettivo è quello di fornire ai nostri lettori notizie e informazioni affidabili su una vasta gamma di argomenti, dalle notizie di attualità ai reportage approfonditi, dalle recensioni ai commenti e alle opinioni. Siamo aperti a suggerimenti e proposte dai nostri lettori, e ci impegniamo a mantenere un dialogo aperto e costruttivo con la nostra community.