Processo lavori Fonte Salutare: rinvio fissato al 13 gennaio 2015

358

Caso Fonte Salutare, procedimento rinviato al 13 gennaio 2015. Questo è quanto stabilito nel corso del dibattimento di stamane sul processo penale riguardante la variante ai lavori pubblici di riqualificazione di Piazza Schettini e Fonte Salutare.Fonte-salutare

La Procura di Torre Annunziata, lo scorso 23 settembre, ha chiesto la condanna per l’ex sindaco di Pompei Claudio D’Alessio e l’intera Giunta da lui guidata fino al 2009. Abuso d’ufficio e truffa aggravata: queste le accuse mosse dal pm Mariangela Magariello che, davanti al collegio giudicante della seconda sezione penale del tribunale oplontino (presidente Maria Rosaria Aufieri), ha chiesto la condanna a un anno e 8 mesi di reclusione per D’Alessio.

Il processo muove le mosse a partire dai lavori di restyling che hanno interessato piazza Schettini e la Fonte Salutare, durante i quali sarebbe stato favorito il cognato dell’allora assessore Carmine Lo Sapio, proprietario di un chiosco-bar risultato abusivo e mai sanato. Per Lo Sapio e suo cognato Raffaele Matrone sono stati chiesti 2 anni di reclusione;  2 anni e mezzo invece per il responsabile unico del procedimento Andrea Nunziata.

Per gli ex assessori Gerardo Conforti, Alberto Robetti (entrambi attualmente  in Consiglio comunale), Antonio Ebreo e Giovanni Fusco sono stati chiesti 8 mesi di reclusione. Per tutti loro, nessuna pena accessoria è stata prevista. Per sopraggiunta prescrizione è stato chiesto invece  il non luogo a procedere contro Gerardo Gallotta.

Nel corso dell’udienza di stamane,  alcuni degli avvocati di parte si sono avvicendati per la discussione. Ad intervenire in aula Giuseppe Fusco, difensore di Claudio D’Alessio. A seguire poi, gli avvocati Sabato Criscuolo e Alfredo Sorge per Andrea Nunziata.

Per il 13 gennaio 2015 è fissata invece la discussione degli avvocati Annalisa Senese e Giuseppe Petrosino, difensori di Carmine Lo Sapio. E sempre l’avvocato Petrosino curerà anche la difesa di Raffaele Matrone. Previsto per la stessa giornata anche l’intervento dell’avvocato Bernardo Brancaccio in favore di Gerardo Conforti.

MarDiPa

 

 

 

Donazione sostieni il Gazzettino Vesuviano