Luminarie accese per un mese nel quartiere di Santa Caterina

278

6Sarà un gioco di luci su stringhe e sfere a flash bianco-ghiaccio e tendine colorate ad illuminare il Natale 2014 del quartiere di Santa Caterina, nel centro antico di Castellammare di Stabia (Na) che, in una quattro giorni di eventi, dal 6 dicembre al 6 gennaio 2015, ed in particolare il 6 – 13 – 27 dicembre e il 3 gennaio 2015, prenderà vita per fare festa e celebrare con gioia, speranza ed entusiasmo le festività. Tra esposizioni, rappresentazioni teatrali, mostre fotografiche e pittoriche, musiche folcloristiche, visite guidate, artisti di strada e degustazioni culinarie, le “luminarie”  saranno il filo conduttore della quattro giorni di eventi che animeranno l’intero tratto di strada da Largo Pace a Largo Santo Spirito, compresi i vicoli del Cognulo, Vico Santa Caterina Secondo, via Dogana Regia e Piazza Cristoforo Colombo (Piazza Orologio).

Si comincia dunque sabato 6 dicembre con la non stop di spettacoli ore 10/24.00 di Gaspare Nasuto, noto artista stabiese vincitore di numerosi premi internazionali e ambasciatore ufficiale della maschera di Pulcinella nel mondo e delle sue Guarattelle Napoletane e con lo spettacolo di fantasismo, micromagia e clown mimo di  Cico Varietà. Le tammorre e le zampogne della “‘Paranza d’ò Lione”, concluderanno in musica la giornata.

I costi degli allestimenti luminosi, appositamente realizzati dalla ditta Castellano s.a.s. di Castellammare di Stabia, che ha utilizzato interamente luci a led per garantire un miglior impatto visivo e bassi consumi energetici, così come i costi degli arredi urbani a tema e di tutti gli eventi in programma, sono stati interamente coperti dai contributi volontari di numerosi cittadini residenti del quartiere e degli sponsor che l’Associazione Myo e il Comitato Centro Storico Plinio Seniore, organizzatori dell’evento, hanno voluto offrire per la buona riuscita della manifestazione.

Dopo l’entusiasmante evento-pilota del 26 luglio scorso, “Santa Caterina quartiere aperto, il Centro antico si fa bello”, che ha portato circa 3000 visitatori alla riscoperta di un’area della Città delle Acque ancora sconosciuta ai più, continuano  dunque le iniziative per la valorizzazione e la riqualificazione dell’area si sta mettendo in campo per offrire una concreta e tangibile risposta al crescente  desiderio di rinascita del quartiere.

Share