Napoli: SEL entra in giunta, sancita l’alleanza con il sindaco per le prossime regionali

189

Comune di NapoliLa nomina di Ciro Borrielo, unico consigliere del partito di Nichi Vendola in consiglio comunale, non è stata una novità: da mesi ormai erano nell’aria varie svolte politiche per la giunta de Magistris. Il neo assessore si occuperà di decoro urbano, di agricoltura urbana, di sport e impianti sportivi e toponomastica, subentrando all’ex assessore Monia Aliberti, che si occupava di immagine e comunicazione e che in ogni caso continuerà a collaborare nello staff tecnico del sindaco.

“Sono pronto per nuove responsabilità – ha affermato il neo assessore in conferenza stampa, e per quanto riguarda la “patata bollente” stadio San Paolo e quindi De Laurentiis, con il quale dovrà confrontarsi, ha lanciato subito un primo messaggio: “Invito il presidente a venire in bicicletta con me la domenica mattina, in questo modo potremmo risolvere molti più problemi: lui ha una buona squadra, ma il Comune ha sempre fatto la sua parte, e per questo troveremo un punto d’incontro”

Per il sindaco de Magistris questa non è una svolta partitica: “La scelta di allargare la maggioranza è legato a un rapporto che con SEL nasce dal basso, da un dialogo con il partito napoletano, poi condiviso con la struttura nazionale e con il presidente Vendola – ha ribadito – SEL –  è un partito nazionale e questo ingresso è arrivato dopo una lunga riflessione, perché non sempre bisogna fermarsi alle scintille iniziali”- evidente il riferimento ai rapporti non sempre distesi con il partito: non sono state poche, nel corso di questi anni di consiliatura, le prese di distanze che il leader Vendola ha tracciato, soprattutto in occasioni di dichiarazioni politiche del primo cittadino napoletano. Ma i tempi cambiano, e di conseguenza anche la politica: sul piatto c’è innanzitutto la volontà di una convergenza elettorale per le prossime elezioni regionali di maggio, ora che Vendola e il suo partito si sono slegati definitivamente dal dialogo con il PD.

L’entrata di SEL in giunta ha infatti definitivamente sancito la congiunzione politica tra il sindaco e il partito, che, insieme, si presenteranno al prossimo appuntamento elettorale: “Sicuramente alle regionali diremo la nostra – ha precisato de Magistris – c’è un dialogo continuo anche con altre forze politiche e ci sono già confronti su alcune idee, anche se il nostro obiettivo primario resta quello di riconfermarci alle prossime elezioni comunali”.

In molti pensavano a un rimpasto più corposo di deleghe ed assessori, proprio per la necessità, da parte del sindaco, di rinforzare la sua maggioranza in consiglio dopo la sua temporanea sospensione dall’incarico: ora la maggioranza resta sempre su numeri risicati, quando invece si sarebbe potuto assistere al ritorno dall’opposizione didue sostenitori della prima ora del sindaco, ovvero i componenti di Sinistra in Movimento, Vittorio Vasquez e Pietro Rinaldi, che invece si mantengono ancora su posizioni di metà strada, come affermano in un comunicato stampa:

“Abbiamo incontrato il sindaco e lo abbiamo trovato in forte imbarazzo rispetto alla richiesta di una sostanziale redistribuzione delle deleghe. Il cambiamento di un solo assessore serve a poco: continueremo a restare fuori dalla maggioranza anche se non adotteremo una posizione di opposizione frontale alla Lettieri o alla lannello”

Mario De Angelis