‘Bionde’ di contrabbando da Palermo a Napoli: 146mila euro di multa per due siciliani

229

Sigarette-di-contrabbando-2Il contrabbando di tabacchi lavorati esteri, privi del marchio del Monopolio di Stato è una realtà che, prepotentemente, è nuovamente tornata alla ribalta, così come Napoli rappresenta un punto nevralgico per tale mercato illecito.
Colpa della crisi economica e dei vertiginosi aumenti del costo del tabacco, il reato del contrabbando ha trovato terreno fertile per espandersi dopo che, per vari anni, era stato sconfitto a seguito dei serrati controlli di Polizia.

Due pregiudicati palermitani : Salvatore Immesi e Giampaolo Mattiolo, entrambi di 33 anni, due giorni fa, avevano preso alloggio in un albergo cittadino, certamente non per turismo.
I due, infatti, erano giunti nel capoluogo partenopeo per approvvigionarsi di “bionde”, da rivendere nel capoluogo siculo.
A scoprire l’illecito traffico di tabacchi lavorati esteri, privi del marchio del Monopolio, è stata la Polizia di Stato- Commissariato “Vasto-Arenaccia”.
I poliziotti, nel corso dei normali servizi di prevenzione e controllo del territorio, hanno notato i due uomini in strada mentre parlavano con il conducente di un’autovettura Suzuki.
Il conducente dell’auto, notato la Polizia, si è dileguato mettendo in allerta i due uomini, che sono fuggiti imboccando strade diverse.
Gli agenti, senza perderli di vista, hanno inseguito i due bloccando IMMESI in Via Firenze e MATTIOLO, che nel frattempo era entrato in un hotel della zona, mentre saliva le scale per dirigersi in una camera.
I due pregiudicati, giunti a Napoli mercoledì 14, erano pronti a ripartire per far rientro a Palermo.

I poliziotti hanno perquisito la camera dove alloggiavano, rinvenendo e sequestrando 44 kg di sigarette di contrabbando, per un totale 222 stecche, abilmente occultate dentro a 4 borsoni, nascosti dietro un armadio.
IMMESI e MATTIOLO sono stati arrestati e processati, stamani, con rito per direttissima e condannati rispettivamente, il primo ad 1 anno e 6 mesi di reclusione, con il beneficio della sospensione della pena, mentre il secondo alla misura cautelare dell’obbligo di dimora a Palermo oltre al pagamento di una multa di €.146.000,00.

Lascia una risposta