Hackerato dai ribelli siriani il sito del Comune

262

hacker02Un attacco hacker firmato “Syrian Revolution Soldiers” ha colpito il sito istituzionale del Comune di Castellammare. Da quanto si è potuto apprendere, l’attacco è stato segnalato dai cittadini che stamane hanno cercato di accedere al portale, trovando però sulla home page, in un luogo delle info istituzionali, un video che mostrava le immagini di un intervento chirurgico ad un giovane colpito da una granata, la bandiera della Repubblcia Siriana e una lunga lettera nella quale i “Free Syrian Hacker” spiegavano i motivi dell’attacco:

«Questo sito è stato hackerato per denunciare il silenzio del mondo sul massacro del popolo siriano che dura da quattro anni. Questa breccia nel sistema non ha l’obiettivo di creare danni ma solo quello di consegnare un messaggio al mondo. Da tre anni il popolo siriano sta subendo la fame, donne rapite e bambini morenti, case distrutte e ragazzi che non conoscono il loro destino. Nonostante ciò il mondo ci accusa di essere terroristi, ma noi proviamo solo a difenderci».

Immediata è scattata la denuncia alla polizia postale, alla quale è seguito il pronto intervento del personale tecnico che intorno alle 11,30 ha ripristinato il corretto funzionamento del sito.

Un episodio grave ed inquietante che ha messo in evidenza le falle presenti nel sistema informatico dell’Ente. Da accertare invece se e quanto la manomissione abbia inficiato l’intero sistema, con le migliaia di dati riservati che esso contiene.

Angelo Mascolo