Inefficienze, mala fede e l’incompetenza della politica, condannano Bagnoli

308

bagnoliChi controlla il controllore? E’ quello che si chiedono interdetti i residenti di Bagnoli all’altezza della popolatissima via di Pozzuoli, arteria principale che unisce l’arenile a Pozzuoli. In questa terra di nessuno tutto è possibile: dalla somministrazione abusiva di bevande alcoliche su improvvisati lidi altrettanto sprovvisti di regolare autorizzazione alla sporcizia che perennemente insudicia l’immagine della zona gli onesti contribuenti ringraziano (con amara ironia) il sindaco di Napoli Luigi de Magistris per quanto “non fatto” per uno dei siti più rappresentativi della città.

Via di Pozzuoli BagnoliIl globe trotter della scuola dell’obbligo de Magistris ha definitivamente persuaso i napoletani di quanto inconcludente, contraddittoria e latitante possa essere l’azione di governo di chi si è mostrato palesemente incapace di amministrare una delle perle più rappresentative del mediterraneo. Basta con gli scarica barili tra il primo cittadino di Napoli e quello di Pozzuoli Vincenzo Figliolia inerente la competenza d’intervento delle zone a confine di una Partenope  mai tanto umiliata da chi al contrario dovrebbe garantirne credibilità e qualità d’assistenza.

A chi rivolgersi allora per avere giustizia? E soprattutto chi controlla il controllore?

Nessuno: il dato deprimente ma drammaticamente fedele alla realtà dei fatti vanifica i sacrifici delle nuove leve indigene che con eroica determinazione si prodigano quotidianamente (in forma spesso associativa) a che le cose “cambino” naufragando puntualmente in una tempesta di inefficienze scaturite dalla mala fede e dall’incompetenza di buona parte del mondo politico locale.

Il cantautore Federico Salvatore recitava in un brano: “chi urla dietro il muro non fa rumore…” Ebbene oggi questo muro virtuale che divide Napoli in ricchi e poveri, appartenenti e non,  vittime e carnefici è talmente spesso e maleodorante da emanare ribrezzo a centinaia di chilometri in quella parte del Paese Italia in cui ci si crogiola nella certezza maligna di poter contare sulla follia cinica di chi è riuscito a trasformare un “paradiso naturale ” nel più scuro girone infernale.

Alfonso Maria Liguori

Condividi
PrecedentePaura a Gragnano. All’alba una frana in vico Cavaliere, nessuna vittima
SuccessivoCozzolino invita Cimmino ad andare avanti
avatar
Pubblicista, con formazione scolastica classica e frequenza universitaria presso l'Ateneo Federico II di Napoli (corso di Laurea in Filosofia). Dal 2003 "Aml" è nato, giornalisticamente parlando, con il settimanale diocesano della Curia di Napoli "Nuova Stagione". Successivamente collabora con Cronache di Napoli, con Metropolis, con Napoli Più, svolgendo nel contempo attività di pubbliche relazioni e portavoce di politici. Impegnato nel sociale nel 2003 ha preso parte ad un progetto sociale per il recupero di minori a rischio promosso dall'associazione onlus "Figli in Famiglia" in collaborazione con il Tribunale per i Minori di Napoli. Ha curato eventi di solidarietà per associazioni onlus in favore di noti ospedali partenopei in collaborazione con l'Ubi Banca Popolare di Ancora. Ha diretto la trasmissione televisiva "Riflettori su Ercolano" (a sfondo sociale) per Tele Torre. Profondo conoscitore della strada e dei complessi meccanismi sociali che caratterizzano le problematiche di Napoli e della sua provincia, da anni collabora attivamente con il Gazzettino vesuviano.

Lascia una risposta