Abusivismo a Varano, incontro a Roma alla Direzione Generale Archeologia

268

villa-san-marcoMercoledì 4 marzo 2015 si è tenuto a Roma presso la direzione generale archeologia del ministero dei beni e dell’attività culturali e del turismo un incontro tra il sindaco Nicola Cuomo, il prof. Massimo Osanna, soprintendente speciale dell’area archeologica di Pompei Ercolano e Stabia, e il dr. Gino Famiglietti, direttore generale archeologia del citato ministero, per affrontare la problematica del protocollo d’intesa (trasmesso dall’ente in data 13.08.2014 alla soprintendenza) per la tutela, conservazione e valorizzazione del sito archeologico stabiese e la riqualificazione urbana dell’area di Varano interessata da insediamenti abusivi.

Il sindaco Cuomo, all’esito dell’incontro, ha dichiarato quanto segue: “Dopo la nota del 5.12.2014 del soprintendente prof. Osanna che subordinava l’eventuale stipula di un protocollo d’intesa sul problema degli insediamenti abusivi all’esito delle decisioni del giudice amministrativo, ho insistito perché si potesse chiarire ai dirigenti del ministero il nobile intento dell’amministrazione di salvaguardare, non comprimendolo, l’interesse collettivo primario di tutela, conservazione e valorizzazione del patrimonio archeologico, armonizzandolo contestualmente con l’ulteriore interesse collettivo di riqualificare una vasta area di territorio cittadino deturpata dalla presenza di insediamenti abusivi, mediante la redazione di un piano che recuperi, nei limiti del possibile, gli stessi; con ciò contemperando i superiori interessi pubblici con quelli dei privati proprietari di beni immobili.

Il prof. Osanna si è gentilmente fatto promotore dell’incontro romano in cui si è riaperta l’ipotesi di addivenire ad un’intesa per consentire di accertare la possibilità, a seguito delle risultanze delle più moderne indagini geoarcheologiche, di eliminare e/o declassificare i vincoli attualmente insistenti sull’area, nel caso di probabilità minime e/o non significative di rinvenimenti archeologici.

Si è discusso inoltre del progetto di apertura definitiva e stabile del museo archeologico stabiano presso la reggia di Quisisana nonché di verificare la possibilità di aprire in tale sito una scuola di formazione per operatori nel settore del recupero dell’immenso patrimonio archeologico.”

Donazione sostieni il Gazzettino Vesuviano
Condividi
Precedente“Sportello amico” Gori, pieno di utenza di Sant’Anastasia
SuccessivoLa raccolta differenziata cresce del 4% in un mese, “il Comune risparmia 33mila euro”
Il giornale “il Gazzettino vesuviano”, fondato nel 1971 da Pasquale Cirillo e attualmente diretto da Gennaro Cirillo, si interessa principalmente delle tematiche legate al territorio vesuviano e campano; dalla politica locale e regionale, a quella cultura che fonda le proprie radici nelle tradizioni ed è alla base delle tante associazioni e realtà che operano sul territorio. Siamo impegnati a garantire la massima qualità e la massima integrità nel nostro lavoro giornalistico. Ci impegniamo a mantenere alti standard etici e professionali, evitando qualsiasi conflitto di interesse che possa compromettere la nostra indipendenza e la nostra imparzialità. Il nostro obiettivo è quello di fornire ai nostri lettori notizie e informazioni affidabili su una vasta gamma di argomenti, dalle notizie di attualità ai reportage approfonditi, dalle recensioni ai commenti e alle opinioni. Siamo aperti a suggerimenti e proposte dai nostri lettori, e ci impegniamo a mantenere un dialogo aperto e costruttivo con la nostra community.

Lascia una risposta