Castellammare: tenta di sversare amianto nei boschi, fermato

200
Un carico di rifiuti edili appena sversato
Un carico di rifiuti edili appena sversato

Tenta di abbandonare rifiuti pericolosi nei boschi di Quisisana: individuato e multato il responsabile dalla polizia municipale di Castellammare. Nella giornata di ieri gli agenti stabiesi, coordinati dal comandante Antonio Vecchione, hanno notato un’autovetture che, carica di tubi in eternit, si dirigeva verso i boschi di Quisisana per ridiscendere poco dopo ancora carica dei tubi. I poliziotti si sono quindi messi alla ricerca dell’automobilista che, sentito nel merito e messo di fronte alle evidenze delle indagini, ha ammesso le sue responsabilità e ha condotto gli agenti del Nucleo Ambientale sul luogo dove aveva poi effettivamente abbandonato i rifiuti, situato nel Comune di Gragnano.

Sull’episodio è intervenuto anche il sindaco Nicola Cuomo: «Il sistema di videosorveglianza cittadina ha consentito alla polizia ambientale di individuare e sanzionare il responsabile di un tentativo di abbandono di rifiuti pericolosi contenenti amianto sui boschi di Quisisana».

Sono, inoltre, in corso accertamenti finalizzati all’identificazione del responsabile di un altro episodio di abbandono di tubi in cemento armato avvenuto nei pressi del quartiere Scanzano e ripreso, anche in questo caso, dal servizio di videosorveglianza. Più volte sono state segnalate discariche abusive in tutta la zona collinare stabiese e lo scorso anno i carabinieri della compagnia di Castellammare aprirono un’inchiesta sul traffico illecito di rifiuti speciali che stava trasformando i boschi di Quisisana in una discarica a cielo aperto. I militari ricevettero diverse segnalazioni riguardo il transito di camion zeppi di pneumatici ed altri rifiuti pericolosi. Proprio a Quisisana non molto tempo fa fu individuata una discarica di materiale edile posata su un versante della collina, lunga circa 70 metri, con un fronte di oltre 20 metri, e contenente oltre 3mila metri cubi di rifiuti di ogni genere.

Francesco Ferrigno

Share