Elezioni regionali: nei sondaggi Caldoro in vantaggio su De Luca

234

elezioniStefano Caldoro in vantaggio, Vincenzo De Luca rincorre. La “vittoria” del centrodestra sul centrosinistra al momento è solamente una proiezione fornita dai dati dei tre sondaggi sulle intenzioni di voto in Campania in vista delle Elezioni Regionali del 31 maggio diffusi negli ultimi giorni. Un primo sondaggio di “Datamedia Ricerche” commissionato da Forza Italia Campania e realizzato il 5 e 6 marzo attribuisce al governatore uscente Caldoro un margine di 4,1 punti percentuali su De Luca, vincitore delle primarie Pd del primo marzo. Il candidato del centrodestra viene segnalato al 40,6% contro il 36,5% dell’ex sindaco di Salerno.

La rilevazione dell’istituto “Tecnè” del 6 e 7 marzo, invece, realizzata per l’associazione Fratelli d’Italia Napoli assegna a Caldoro (40,4%) un vantaggio di 3,7 punti su De Luca (fermo al 36,7%). Infine, il sondaggio di “Ipr Marketing” per “Il Mattino” effettuato l’11-12 marzo stima il candidato del centrodestra al 41% e il principale avversario al 38% (con un margine di 3 punti). Valeria Ciarambino, candidata alla presidenza per il Movimento 5 Stelle, intanto, viene indicata al 14% in ognuna delle rilevazioni. A commentare il risultato dei sondaggi è stato proprio De Luca: “Serviranno per mobilitarci. Mi ricordo dei sondaggi delle primarie, erano ancora peggio. Poi sono stati smentiti. Non vi preoccupate dei sondaggi. Porta bene. Dovremo combattere porta a porta, quartiere per quartiere, dovremo conquistare i voti ad uno ad uno. Le condizioni ci sono tutte”. Da De Luca ha incassato nei giorni scorsi il pieno sostegno del suo avversario delle primarie, l’eurodeputato Andrea Cozzolino. I due si sono visti a Salerno presso il comitato del candidato presidente.

A sostenere il candidato presidente Caldoro sarà invece Clemente Mastella, molto probabilmente con una lista autonoma chiamata “Popolari per il Sud”. Non c’erano le condizioni per stare con Forza Italia. – ha commentato Mastella all’Huffington Post – Così faccio una lista in proprio”.
C’è attesa, infine, per conoscere la data in cui i cittadini campani saranno chiamati alle urne. Il Consiglio dei Ministri, riunitosi a Palazzo Chigi, su proposta del Ministro degli Interni Angelino Alfano ha, infatti, approvato un decreto legge che, al fine di consentire lo svolgimento di tutte le consultazioni elettorali in un’unica data (election day), fissa in domenica 31 maggio la prima data utile per le elezioni poichè, con riguardo alle Regionali, possono tenersi nella prima domenica successiva a 60 giorni dalla scadenza di mandato. La norma, inoltre, stabilisce che l’elezione possa essere celebrata anche nella prima domenica successiva alla scadenza del predetto termine dei 60 giorni, quindi domenica 7 giugno.

PC

Share
Condividi
PrecedenteVisita del Papa a Napoli: concreta testimonianza di speranza o sterile protocollo?
SuccessivoDal mito al reale
avatar
Nel 1971, spinto dalla passione per il giornalismo, fondò "il Gazzettino vesuviano", giornale che fino ad oggi ha raccontato e continua a raccontare la storia e vicende dell'area vesuviana. Per anni ha collaborato con il quotidiano il Mattino di Napoli. Oggi continua a seguire e a guidare il suo giornale come Direttore Editoriale e facendo da punto di riferimento per tutti i giovani che si affacciano al mestiere dell'informazione. Per lui, nonostante la tanta fatica profusa, il Gazzettino vesuviano resta sempre quella grande e splendida avventura intrapresa da ventenne, in compagnia di pochi amici. "Non ho potuto sempre dire tutto quello che volevo, ma non ho mai scritto quello che non pensavo". (Indro Montanelli) "Considero il giornale un servizio pubblico come i trasporti pubblici e l’acquedotto. Non manderò nelle vostre case acqua inquinata". (Enzo Biagi)