Trail Monte Taccaro: grande successo per la IV edizione

foto arrivoNonostante il grigio lunedì di Pasquetta, con il termometro scivolato verso  temperature decisamente invernali, il trail di Monte Taccaro, la tradizionale gara podistica organizzata dall’Associazione sportiva “Angri runner” guidata dal presidente Aniello Cannavacciuolo, ha fatto registrare l’ennesimo successo.

A determinare il gradimento dell’iniziativa sicuramente la scelta del percorso – 11 chilometri di sterrato che procedono per i sentieri angusti dei Monti Lattari fino a toccare quota 1200 metri – ma soprattutto l’idea di concepire una manifestazione sportiva come un’occasione di condivisione e di crescita umana e sociale. Sono queste le premesse che stanno alla base di un progetto che partito pochi anni fa, grazie alla tenacia di Cannavacciuolo e di altri pochi appassionati, sta radicando gradualmente la disciplina podistica nel territorio angrese.

Per la cronaca, la vittoria del trail è andata a Giovanni Giordano della “Montemiletto Team Runners” con il tempo di 1:21:22.

E’ stata una gara affascinante – ha dichiarato Aniello Cannavacciuolo, presidente della “Angri Runner Club” e organizzatore della manifestazione – arricchita dalla partecipazione di atleti di assoluto valore. Attraverso lo sport cerchiamo di aggregare persone diverse e al tempo stesso promuovere la conoscenza delle tante bellezze e attrattive presenti sul nostro territorio”.

Sport, gastronomia e turismo. Un trio che rappresenta la carta vincente per qualsiasi discorso di crescita e valorizzazione dei nostri territori, che troppo spesso vivono all’ombra dei grandi circuiti turistici ed economici.

Angelo Mascolo

Share
Condividi
PrecedenteItalbed Stabia alla conquista della D
SuccessivoSS 145, grave incidente stradale: illesi due automobilisti
avatar
Sono archeologo, giornalista e scrittore. Collaboro con «Il Gazzettino Vesuviano» dal 2013, curando la rubrica «IL FAVOLISTA», storie in forma di favola sui grandi temi del nostro tempo. Scrivo e racconto storie perché è l’unica cosa che so fare. Nel 2016 il mio romanzo ambientato a Castellammare si è classificato secondo al Premio Letterario RAI «La Giara». A novembre 2017 è uscito «La primavera cade a novembre», giallo edito dalla casa editrice Homo Scrivens, arrivato alla seconda ristampa, che ha ottenuto diversi riconoscimenti a livello nazionale.