Sui Lattari si è messa in moto la macchina politica

390

palazzo-regione-campania-santa-luciaÈ corsa alle candidature per uno scranno a palazzo Santa Lucia. Le liste per le elezioni regionali si presenteranno a fine aprile e anche sui Lattari la macchina politica si è messa in moto. Scende in campo con il centrosinistra Domenico Elefante, consigliere comunale a Santa Maria la Carità e tra i leader dei comitati antiruspe. L’ex candidato sindaco della civica Direzione Comune scenderà in campo con il Centro Democratico di Bruno Tabacci, nella coalizione guidata da Vincenzo De Luca. Sarà derby con l’ex sindaco Carlo Longobardi, che avrà invece un posto nella lista di Forza Italia e, quindi, nello schieramento capeggiato dal governatore uscente Stefano Caldoro. A Gragnano circola con insistenza il nome di Silvana Somma (capogruppo del Pd) nelle fila del partito di Matteo Renzi, anche se si tratta soltanto di indiscrezioni.

Anche Pimonte avrà due candidati: si tratta di Bartolomeo Chierchia (consigliere comunale di opposizione), tra le fila di Area Popolare nel centrodestra, e di Alberto Gargiulo (Movimento 5 Stelle). Sembra sfumata invece, almeno per il momento, la candidatura dell’assessore Anna Ospizio con il Nuovo Centrodestra. Ad Agerola scende in campo invece l’assessore Regina Milo (Partito Democratico), che punta a ricevere i consensi dell’amministrazione comunale. Spazio anche ad Annamaria Vessella (Centro Democratico), moglie dell’ex deputato del Pdl Michele Pisacane, oggi segretario regionale del partito di Tabacci ed esponente del centrosinistra. In penisola sorrentina ha ufficializzato già la propria candidatura Flora Beneduce, esponente di Forza Italia.

In penisola sorrentina ha ufficializzato già la propria candidatura Flora Beneduce (moglie dell’ex sindaco democristiano Armando De Rosa) che, a dispetto della linea verde che prediligerebbe un maggiore spazio per i giovani, prova per l’ennesima volta ad occupare una poltrona visto che ha già ricoperto il ruolo di consigliere regionale. La dottoressa, che in passato non è stata eletta ma che è comunque entrata “dalla finestra” in assise grazie al fatto che altri consiglieri sono passati al Parlamento, la sua candidatura ci lascia perplessi per la politica di rinnovamento che il partito di Forza Italia sta perseguendo negli ultimi tempi.

Share