Castellammare, continua la protesta dei lavoratori: corteo paralizza la città

192

11200819_892344950807650_3011582774064518620_nProsegue la tensione tra i termali di Castellammare di Stabia. Dopo l’occupazione di ieri dell’antico complesso delle Terme di Stabia per iniziativa di un gruppo di trenta ex dipendenti e quella degli uffici della Presidenza del Consiglio Comunale, questa mattina il centro cittadino è stato letteralmente mandato in tilt dal corteo organizzato dai termali e gli operai della Fincantieri.

Una protesta che ha abbracciato le arterie principali di Castellammare e che ha visto coinvolte decine di lavoratori appartenenti alla due ormai ex realtà lavorative del territorio.

Il grido unanime che è arrivato dalla piazza di stamattina è la richiesta di un rilancio industriale e produttivo per Castellammare, che rimetta al centro le due attività “principi” dell’indotto stabiese: il termalismo e la cantieristica navale.

Tuttavia, la protesta è sembrata quasi sfumare nel silenzio assordante di una città ridotta al lumicino e soprattutto rimbalzare contro i muri di una politica inerme incapace, come certificato nella giornata di ieri, persino di eleggere il Presidente del Consiglio Comunale.

11218830_892340514141427_3722375754578030634_n

Share

Lascia una risposta