Il conguaglio Gori arriva dopo 4 anni, “Codici Campania” invia diffida all’azienda

gori[0]_Public_Notizie_270_470_3“Negli ultimi mesi diversi cittadini si sono visti recapitare fatture di conguaglio con addebito di consumi per periodi superiori ai due anni e richieste di pagamento che variano dai 3.000 ai 7.000 euro – spiega Danila Navarra, responsabile dello sportello regionale di Codici Campania – Rileggendo i dati inviati dall’azienda e confrontando le bollette delle utenze, in alcuni casi il conguaglio arrivato adesso è per un periodo di quattro anni ma nella stessa fattura viene riportata una lettura effettiva fatta due anni prima a cui mai è stata concretizzata la richiesta reale dei consumi nella fattura successiva continuando a pervenire solo richieste di consumi stimati e bollette in acconto.”

Un comportamento anomalo per l’Associazione in difesa dei consumatori che non capisce perché se viene effettuata una lettura reale dei consumi dopo non venga effettuata la fattura di conguaglio e richiesta al titolare dell’utenza in modo da consentire allo stesso di monitorare sia i consumi effettivi e regolarsi di seguito, sia di verificare eventuali perdite o attacchi fraudolenti da parte di terzi.

“Se una lettura effettiva di due anni prima, a cui mai è seguita fatturazione subito dopo ma dopo quattro anni, riporta un consumo anomalo mi viene inviata a distanza di anni – prosegue Navarra – non mi consente di contestare immediatamente i consumi e di verificare eventuali anomalie. Ma soprattutto i consumi conteggiati tutti insieme non consentono all’utenza di essere posta in una collocazione di consumi in fascia base o media ma di scaglionare i metri cubi nelle fasce più onerose”.

Ed è questo il timore dell’Associazione che le aziende abbiano trovato un nuovo stratagemma per aumentare i costi dei consumi delle utenze inviando a distanza di tempo fatture di conguaglio con richieste esorbitanti.

L’Associazione invita i cittadini a rivolgersi allo sportello di San Giuseppe Vesuviano sito alla Via L.do Murialdo n. 26 (ex Parco Ambrosio n. 22), tel. 0815297180 e a quello di Napoli (Quartieri Spagnoli), Vico San Sepolcro n. 102, per avviare le dovute contestazioni all’azienda.

Donazione sostieni il Gazzettino Vesuviano
Condividi
PrecedenteRifiuti, il sindaco Borriello indagato. Il M5S: “irresponsabile revocare appalto”
SuccessivoRifiuti, Borriello indagato per abuso d’ufficio. Raia (Pd): “Avevamo chiesto una nuova gara”
Il giornale “il Gazzettino vesuviano”, fondato nel 1971 da Pasquale Cirillo e attualmente diretto da Gennaro Cirillo, si interessa principalmente delle tematiche legate al territorio vesuviano e campano; dalla politica locale e regionale, a quella cultura che fonda le proprie radici nelle tradizioni ed è alla base delle tante associazioni e realtà che operano sul territorio.Siamo impegnati a garantire la massima qualità e la massima integrità nel nostro lavoro giornalistico. Ci impegniamo a mantenere alti standard etici e professionali, evitando qualsiasi conflitto di interesse che possa compromettere la nostra indipendenza e la nostra imparzialità.Il nostro obiettivo è quello di fornire ai nostri lettori notizie e informazioni affidabili su una vasta gamma di argomenti, dalle notizie di attualità ai reportage approfonditi, dalle recensioni ai commenti e alle opinioni. Siamo aperti a suggerimenti e proposte dai nostri lettori, e ci impegniamo a mantenere un dialogo aperto e costruttivo con la nostra community.