La caserma dei vigili del fuoco di Pianura intitolata al Capo Squadra Taurisano

767

vigili-del-fuoco-notturna-incendio-stabilimento-balneare-italo-calvino-sanremo-febbraio-201321_641870Giovedì 11 giugno 2015 avrà luogo con inizio alle ore 10.15 la cerimonia di intitolazione del distaccamento cittadino dei vigili del fuoco di Pianura alla memoria del Capo Squadra Giovanni TAURISANO secondo il seguente programma: Ore 10.00 Arrivo Autorità e invitati. Ore 10.15 Celebrazione Santa Messa. Ore 11.00 Interventi Autorità. Ore 11.15 Intitolazione del distaccamento cittadino dei Vigili del fuoco di Pianura al Capo Squadra Giovanni Taurisano. Ore 11.30 Saggio Minipompierí di Napoli

Alla cerimonia interverranno il Capo Dipartimento dei vigili del fuoco del soccorso della difesa civile,, il Capo del Corpo nazionale dei vigili del fuoco, ing. Gioacchino GIOMI, il Direttore regionale dei vigili del fuoco del soccorso pubblico e della difesa civile per la Campania, ing. Giovanni NANNI, il Prefetto della Provincia di Napoli, Prefetto Gerarda Maria PANTALONE, e le massime Autorità civili e militari locali.

La Santa Messa sarà officiata dal Vicario del Vescovo di Pozzuoli, Don Paolo AURICCHIO.

Breve profilo del Capo Squadra Giovanni TAURISANO

Il Dipartimento dei vigili del fuoco del soccorso pubblico e della difesa civile con proprio decreto n. 341 del 20 giugno 2003 ha disposto l’intitolazione del distaccamento cittadino dei Vigili del fuoco di Pianura del Comando di Napoli alla memoria del Capo Squadra Giovanni Taurisano per le riconosciute doti morali, l’elevato spirito di sacrificio e l’attaccamento al dovere. II Capo Squadra Giovanni Taurisano nasce a Napoli il 10 maggio 1890 ed entra a far parte del Regio Corpo dei Pompieri di Napoli già nel 1913, ricevendo il suo primo encomio 11 16 agosto 1915 per l’opera di spegnimento del cantiere “Ilva” a Napoli. Capostipite di una famiglia di pompieri ha rappresentato e rappresenta —tutt’oggi — un esempio per tanti vigili del fuoco, grazie all’encomiabile servizio svolto da pompiere, da vigile del fuoco, che gli ha consentito di ricevere nella sua gloriosa carriera ben 92 encomi e 2 medaglie d’argento. Una sera del 1941 Giovanni Taurisano, mentre festeggiava con la famiglia la promozione a Maresciallo, venne richiamato in servizio per intervenire su un grande incendio verificatosi al pastificio “Carditello”.

L’incendio provocò il crollo dell’opificio ove Giovanni Taurisano rimase sotto le macerie disperso per vari giorni, tanto che la stampa dell’epoca lo riteneva ormai deceduto. Fortunatamente fu estratto vivo dai suoi colleghi dopo sei giorni, riportando gravissime ferite, per le quali dovette lasciare per infermità fisica il Corpo nazionale dei vigili del fuoco nel 1943. Il Maresciallo Giovanni Taurisano – così tutti lo ricordano – ha saputo infondere con il suo esempio l’amore e la passione della professione non solo ai figli Luigi e Giovanni, ma soprattutto a tante generazioni di vigili del fuoco che hanno avuto il privilegio di conoscerlo. li Maresciallo Giovanni Taurisano scompare il 13 settembre 1967 e l’allora Sindaco del Comune di Napoli gli concesse di poter riposare nel Quadrato degli uomini illustri del Cimitero di Poggio Reale di Napoli, mentre una strada pubblica gli è stata intitolata nel Comune di Fiumicino in località Isola Sacra.