Castellammare, Mare Sicuro 2015: l’importanza dell’Opsa

328

opsaInformazione, rispetto delle norme di sicurezza, prevenzione e repressione dei comportamenti che rappresentano un pericolo per la vita umana in mare: al via anche quest’anno l’operazione «Mare Sicuro 2015». L’iniziativa è stata presentata questa mattina presso la capitaneria di porto di Castellammare dal comandante Savino Ricco e dal responsabile della locale Croce Rossa Italiana Antonio Coppola. In tutta la circoscrizione, (ovvero da Torre Annunziata inclusa a Positano esclusa), verranno impiegati ogni giorno quindici militari tra uomini e donne e due motovedette e due battelli veloci con il supporto di un elicottero della guardia costiera. I militari saranno affiancati dagli uomini della Croce Rossa e dell’Opsa (Operatore Polivalente di Salvataggio in Acqua).

«Saremo così pronti – ha spiegato il comandante Ricco – ad affrontare le emergenze grazie ad uomini addestrati anche per lanciarsi in mare ed effettuare manovre di rianimazione. Per la parte nautica abbiamo raddoppiato gli equipaggi rispetto alle edizioni precedenti di ‘Mare Sicuro’, sacrificando in certi casi anche il lavoro di ufficio».

Nel dettaglio, la guardia costiera avrà diversi compiti da affrontare nel corso dell’estate: prevenire e, quando necessario, reprimere i comportamenti che rappresentano un pericolo per la vita umana in mare; controllare/verificare che l’utilizzo delle moto d’acqua non arrechi pericolo e disturbo ai bagnanti; vigilare affinché le zone di mare riservate in via esclusiva alla balneazione siano rispettate dalle unità di diporto; verificare gli apprestamenti di sicurezza degli stabilimenti balneari (pattino di salvataggio, presenza del bagnino, ecc.) nonché dei corridoi di lancio e delle boe delimitanti le acque riservate alla balneazione; verificare il posizionamento, a cura delle amministrazioni competenti, dei cartelli monitori sulle spiagge libere, in particolare in quelle altamente frequentate, indicanti eventuali limitazioni alla balneazione sicura; dare ausilio alle manifestazioni sportive che si svolgeranno nelle nostre acque. Spazio nel corso della presentazione in capitaneria anche alla delicata tematica ambientale, con i rischi che corre chi si bagna nelle acque dove vige il divieto di balneazione. Si tratta, infine, dell’ultima edizione «stabiese» di Mare Sicuro per Savino Ricco che a settembre lascerà il comando della capitaneria di Castellammare.

Francesco Ferrigno

Share