Degrado a Marra, residenti infuriati: esposto al comune di Boscoreale

576

vandali marraA Marra, zona periferica a ridosso dei comuni di Boscoreale, Poggiomarino e Scafati, gli abitanti fanno sentire la loro voce per denunciare lo stato di enorme degrado in cui è precipitata l’area.

Le problematiche con cui convivono ogni giorno i marresi sono tante: dalle continue ondate di furti ed atti criminali, alla mancata illuminazione delle strade; dagli incidenti causati dall’alta velocità, all’inesistente segnaletica verticale e orizzontale; dai continui allagamenti che rendono prigionieri i residenti, al manto stradale completamente dissestato; dai rifiuti e dall’inquinamento fuori controllo, ai roghi tossici.

Per contrastare questi fenomeni negativi scende in campo Brigida Marra, consigliere di maggioranza del Comune di Scafati, che, appoggiata dalla comunità parrocchiale della chiesa S.S. Vergine del Suffragio di Marra e dal parroco don Carmine Pagano, si schiera dalla parte di cittadini e residenti che troppo spesso nella zona periferica sono abbandonati dalle istituzioni.

Venerdì 3 luglio, presso la parrocchia della frazione, si è tenuto il primo incontro nella quale i cittadini dei tre comuni di Boscoreale, Poggiomarino e Scafati, si sono confrontati su quelle che sono le priorità del territorio abbandonato.
Brigida Marra, offrendo la sua professionalità e la sua competenza a titolo completamente gratuito, ha redatto un documento firmato dai presenti e successivamente presentato al comune di Boscoreale per contrastare le spinose questioni che riguardano via Marra, via Scafati e via Poggiomarino.

Al centro dell’esposto diretto al Comune di Boscoreale, l’illuminazione pubblica inesistente sul tratto di strada di Boscoreale e la mancata manutenzione stradale che mina la sicurezza di quanti quotidianamente percorrono, in macchina o a piedi, la via crocevia e punto principale di collegamento tra i comuni.

Si terrà stasera, martedì 7 luglio, alle 20:00 presso la parrocchia S.S. Vergine del Suffragio, il nuovo incontro per fare il punto della situazione ed eventualmente trovare nuovi sistemi d’azione per contrastare il degrado in periferia.

Raffaele Cirillo

Share