Terra dei Fuochi, via i pneumatici dall’area archeologica di Calvi Risorta

290
pneumaticiInizieranno lunedi 20 luglio le operazioni di prelievo dei Pneumatici Fuori Uso abbandonati nell’Area Archeologica di Cales, antica colonia romana nella Provincia di Caserta, risalente al IV secolo a.C.
 
L’intervento si svolge nell’ambito delle attività rese possibili dal Protocollo Terra dei Fuochi tra Ministero dell’Ambiente ed Ecopneus, di cui sono firmatari l’incaricato del Ministro dell’Interno per la Terra dei Fuochi, dr. Donato Cafagna, le Prefetture di Napoli e Caserta, i Comuni di Napoli e Caserta.
 
Le operazioni saranno condotte dal Corpo dei Vigili del Fuoco del Comando Provinciale di Caserta; i PFU prelevati nell’area saranno poi trasferiti ad aziende autorizzate, per le successive fasi di trattamento.
 
 
Tutti i dettagli dell’intervento saranno al centro della conferenza stampa di mercoledì 22 luglio, a cui interverranno:
  • Donato Cafagna, Incaricato del Ministro dell’Interno per la Terra dei Fuochi
  • Giovanni Corbetta, Direttore Generale di Ecopneus
  • Rosa D’Eliseo, Comandante Provinciale Vigili del Fuoco di Caserta
  • Antonio Salerno, Funzionario Archeologo, Soprintendenza Archeologica della Campania
  • Giovanni Marrocco, Sindaco di Calvi Risorta
Con il contributo inoltre di Enti e forze sociali tra cui ARPA Campania, Luca Barbaro della Rete ArcheoCales e Michele Buonomo, Presidente di Legambiente Campania.

 

Share