Usura e estorsione, 3 arresti a Ercolano: sequestro da 300mila euro

230

carabinieri torre del greco1Tre persone sono state arrestate ad Ercolano con le accuse di usura ed estorsione.

Il provvedimento, emesso dal gip del Tribunale di Napoli, su richiesta della Procura, è stato eseguito dai carabinieri.

Nei confronti degli arrestati è stato eseguito un sequestro preventivo di immobili per un valore di circa 300 mila euro.

Le indagini hanno documentato l’attività usuraria nei confronti di operatori

economici della zona, costretti a contrarre numerosi debiti ed a restituire i soldi ad interessi elevatissimi.

I tre indagati sono: Nicola Fiengo, nato a Portici nel 1969, Antonio Lucarella, nato ad Ercolano nel 1946, e Ciro Di Buono, nato a Portici nel 1964.

Le indagini hanno consentito di identificare un gruppo di soggetti che concedevano prestiti, anche di poche centinaia di euro, ad imprenditori in difficoltà economiche.

I tassi di interesse erano del 6% mensili da restituire in pochi mesi, dando in garanzia assegni postdatati. Nel caso del mancato pagamento le richieste di interesse aumentavano, al punto da costringere le vittime a dare come saldo del prestito auto o immobili.

Le indagini sono iniziate inseguito alla denuncia di una delle vittime e sono proseguite con intercettazioni telefoniche, perquisizioni, accertamenti bancari, che hanno consentito di individuare altre vittime, le quali hanno poi deciso di collaborare.