San Marzano, tragedia della bimba rumena, il sindaco Annunziata: siamo tutti addolorati

405

Cosimo-AnnunziataAncora incerte le cause della morte della bambina romena di 3 anni, giunta senza vita all’Ospedale Martiri del Villa Malta di Sarno nella serata di ieri.

Secondo le prime ricostruzioni e verifiche la bambina non sarebbe stata vittima di sevizie e violenze. Secondo quanto trapela da fonti investigative, avrebbe accusato un malore subito dopo aver fatto una doccia nella sua abitazione. La bambina aveva da poco cenato. Il sostituto procuratore della Procura della Repubblica del Tribunale di Nocera Inferiore, Giuseppe Cacciapuoti, ha disposto l’autopsia che servirà a determinare le cause del decesso della piccola Lidia.

Stando le testimonianze di alcuni residenti del quartiere di San Marzano sul Sarno dove viveva la famiglia, la bimba veniva lasciata sola durante le ore di lavoro del padre. La madre, invece, aveva abbandonato da poco l’Italia in cerca di un lavoro fuori dal Paese. La piccola quindi sarebbe stata affidata durante il giorno a dei vicini. Da qui i sospetti dei carabinieri, che nella notte hanno ascoltato anche i vicini.

Le condizioni abitative sono più che degradate. Il sindaco di San Marzano, Cosimo Annunziata esprime profondo cordoglio e incredulità. “Siamo profondamente addolorati per una vicenda che ci ha sconvolto, molti rumeni vivono nella nostra città. L’integrazione è parte integrante della nostra comunità da sempre accogliente verso cittadini stranieri – continua il primo cittadino – Confermiamo la nostra disponibilità verso la famiglia e i parenti e restiamo a disposizione degli inquirenti per le ulteriori indagini e della famiglia per l’assistenza con mezzi e servizi a disposizione”.

Molto probabile è la proclamazione del lutto cittadino nel comune sulle rive del Sarno.

Raffaele Massa

Condividi
PrecedenteAperiterme, il sindaco Cuomo contestato dagli ex termali
SuccessivoFree Basketball Scafati, arriva Federica Serra
avatar
Classe 1997, studente e consigliere didattico di lettere presso l’università degli studi di Salerno, cerco di diffondere la buona, sana e critica notizia attraverso "Il Gazzettino Vesuviano". Vivo a Striano, studio musica, organizzo eventi e pratico il volontariato in numerose associazioni della mia città. Segni particolari? Mi ritengo una persona molto schietta, scherzosa, professionale al momento opportuno e che dà il 200% in tutto quello che fa. Credo di essere anche una persona precisa e metodica. Difetti? Eccome se ne ho! Se dovessi trovare una frase o una citazione che mi rispecchi, direi: “Lasciare il mondo un po’ migliore di come lo abbiamo trovato” (Baden Powell).