Ercolano, Sannino: impresa e investimenti per garantire legalità ed occupazione

263

MAssimo Sannino cislGrande impegno della CISL a Ercolano e delle forze sociali in generale. Non basteranno polemiche ed episodi singoli a infangare l’operato di chi tutela i diritti dei lavoratori, a sminuire l’importanza dell’ultima oasi di salvezza a cui rivolgersi in caso di problemi seri con il datore di lavoro. Di questo avviso il dirigente CISL Massimo Sannino: personaggio noto e stimato in città, da profondo conoscitore dei luoghi, Sannino è riuscito spesso a trovare il giusto equilibrio tra difficoltà dell’imprese e diritti dei lavoratori.

Sannino rappresenta sicuramente una pedina importante sui cui puntare per rafforzare il dialogo tra istituzioni, imprese e lavoratori a tutto beneficio della trasparenza e delle qualità di occupazione indigena. Appare facile e riduttivo attaccare una sigla sindacale “sparando a zero” quando poi, è opportuno sempre ricordarlo, se le cose si mettono male è proprio alle forze sociali che prontamente si ricorre. Sannino si era più volte espresso sulla necessità di potenziare la sana impresa, di invogliare investimenti che garantissero legalità e occupazione all’ombra del vulcano più famoso d’Europa.

Solo infatti rilanciando concretamente l’economia locale sarà possibile far crescere esponenzialmente la comunità degli scavi.

Sarebbe auspicabile un tavolo di concertazione permanente composto da istituzioni, ente comune, imprenditori e forze sociali al fine di ottimizzare risorse e tempi di quel processo di rinnovamento che deve coinvolgere l’intero territorio. Unità produttiva basata sulla legalità e sulla sana occupazione: questo il disegno per un’Ercolano che nel dirigente Sannino ha trovato valido riferimento sindacale e professionale interlocutore per chi lavorando da sempre onestamente  vuole raggiungere sacrosanti traguardi economico –sociali.

Alfonso Maria Liguori

Share
Condividi
PrecedenteErcolano, vendita di beneficenza di libri, perché lo straordinario torni ad essere ordinario.
SuccessivoAffonda barca a Salerno: un morto e un ferito
avatar
Pubblicista, con formazione scolastica classica e frequenza universitaria presso l'Ateneo Federico II di Napoli (corso di Laurea in Filosofia). Dal 2003 "Aml" è nato, giornalisticamente parlando, con il settimanale diocesano della Curia di Napoli "Nuova Stagione". Successivamente collabora con Cronache di Napoli, con Metropolis, con Napoli Più, svolgendo nel contempo attività di pubbliche relazioni e portavoce di politici. Impegnato nel sociale nel 2003 ha preso parte ad un progetto sociale per il recupero di minori a rischio promosso dall'associazione onlus "Figli in Famiglia" in collaborazione con il Tribunale per i Minori di Napoli. Ha curato eventi di solidarietà per associazioni onlus in favore di noti ospedali partenopei in collaborazione con l'Ubi Banca Popolare di Ancora. Ha diretto la trasmissione televisiva "Riflettori su Ercolano" (a sfondo sociale) per Tele Torre. Profondo conoscitore della strada e dei complessi meccanismi sociali che caratterizzano le problematiche di Napoli e della sua provincia, da anni collabora attivamente con il Gazzettino vesuviano.