Massa Lubrense: Punta Campanella, uno scrigno di biodiversità

186

blueteam in actionCentotredici specie animali censite in sole 24 ore di monitoraggio. Uno scrigno ricco di vita si nasconde sotto il mare di Punta Campanella. Sono molto incoraggianti i dati del Report di Blueteam in Action, la squadra di sub, composta da professori universitari, fotografi professionisti, staff del Parco e semplici appassionati, che ha controllato per un giorno consecutivo(notte compresa) cinque punti di immersione nell’Area Marina Protetta.

Nonostante il tempo burrascoso i cinquanta sub hanno svolto con grande dedizione e professionalità quest’importante lavoro di censimento. Tra le centotredici specie individuate, quarantatré sono pesci, sedici molluschi, cinque crostacei. Poi undici specie di poriferi (spugne), dodici di cnidari (polpi, meduse etc) e diversi briozoi, echinodermi e vermi.

Una vita ricca di biodiversità nei fondali del Parco, in particolare nei 5 punti di immersione scelti: Vervece, Puolo, Isca, Penna e Fossa Papa. Sono stati monitorati 3 diversi ambienti, sabbia, roccia e grotta e le tre zone di tutela del Parco: zona A, zona B e zona C. Individuate anche alcune specie aliene, come l'”Aplysia dactylomela”, un mollusco gasteropode che si è introdotto pochi anni fa dall’Atlantico, e altre specie inusuali.

Il monitoraggio dei fondali del Parco Marino di Punta Campanella proseguirà nei prossimi mesi con altre iniziative di Blueteam in action.

Share