Ercolano, il percorso di conversione di Gaetano Riccio

402

chiesa apostolica ercolanoContinua senza sosta l’opera di sensibilizzazione in difesa della sacralità della famiglia e della sana formazione dei giovani da parte della Chiesa Apostolica Italiana comunità di Ercolano.

Un messaggio di speranza su un territorio vulcanico che necessita fortemente di punti di riferimento a cui guardare per ritrovare spessore e concretezza sotto l’egida della legalità e del vivere civile. Valori che il pastore Gaetano Riccio ha sempre saputo evidenziare entrando particolarmente in contatto con i fratelli in un cammino di conversione che si propone di avvicinare agli insegnamenti cristiani chi brancola in attesa di risposte che la cinica società non è mai stata in grado di offrirgli.

Tante le iniziative di solidarietà promosse dall’uomo di Dio Gaetano Riccio sempre con discrezione e umiltà: Ciro Riccio, figlio del pastore, ha saputo attirare l’attenzione mediatica su delicate tematiche morali con correttezza e discrezione proprie di chi ha messo in essere quanto appreso in un culto che non deve rimanere solo all’interno del sito religioso ma concretizzarsi giorno per giorno nella vita dei credenti.

Un giovane sicuramente da emulare, un bell’esempio per chi vive questa splendida ma spesso tormentata realtà vesuviana. Al di la delle convinzioni religiose personali rallegra l’idea che persone così si battano pacificamente per portare un messaggio di pace e speranza all’interno di una comunità particolarmente difficile da comprendere data l’eterogeneità della stessa. Niente polemiche, nessun attacco personale ne calunnie contro chi che sia: solo voglia di costruire in pace per i giovani e amore per Ercolano.

Queste le caratteristiche che danno forza e spessore umano all’opera del pastore Gaetano Riccio a cui tanti guardano con stima e profonda gratitudine.

Alfonso Maria Liguori

Donazione sostieni il Gazzettino Vesuviano
Condividi
PrecedenteA Torre Annunziata le celebrazioni per il trentennale della morte di Giancarlo Siani
SuccessivoMiss e Mister Magma, Carolina Staiano e Pierluigi Paparo vincono la tappa di Striano
Pubblicista, con formazione scolastica classica e frequenza universitaria presso l'Ateneo Federico II di Napoli (corso di Laurea in Filosofia). Dal 2003 "Aml" è nato, giornalisticamente parlando, con il settimanale diocesano della Curia di Napoli "Nuova Stagione". Successivamente collabora con Cronache di Napoli, con Metropolis, con Napoli Più, svolgendo nel contempo attività di pubbliche relazioni e portavoce di politici. Impegnato nel sociale nel 2003 ha preso parte ad un progetto sociale per il recupero di minori a rischio promosso dall'associazione onlus "Figli in Famiglia" in collaborazione con il Tribunale per i Minori di Napoli. Ha curato eventi di solidarietà per associazioni onlus in favore di noti ospedali partenopei in collaborazione con l'Ubi Banca Popolare di Ancora. Ha diretto la trasmissione televisiva "Riflettori su Ercolano" (a sfondo sociale) per Tele Torre. Profondo conoscitore della strada e dei complessi meccanismi sociali che caratterizzano le problematiche di Napoli e della sua provincia, da anni collabora attivamente con il Gazzettino vesuviano.