Vico Equense, gli attivisti del Movimento 5 Stelle si affacciano nella politica cittadina

377

grillinissimiFinalmente si materializzano fisicamente gli attivisti M5Stelle di Vico Equense. Il Movimento è andato fortissimo nelle elezioni politiche e nelle regionali, fino a diventare il secondo partito in città, ma sul territorio gli attivisti sono rimasti in sordina, raccogliendosi assieme ai simpatizzanti del Movimento di Beppe Grillo solo nelle occasioni speciali, come il comizio di Luigi Di Maio a Sorrento nella scorsa primavera e in riunioni sul territorio con i loro rappresentanti istituzionali. Oggi si sentono più sicuri grazie al grande consenso ricevuto, ultimo in ordine di tempo in Regione Campania dove sono rappresentati da ben sette Consiglieri.  Hanno cominciato perciò a riunirsi regolarmente anche in Città e a tenere riunioni di lavoro e approfondimento sulle tematiche locali.

Ci tengono a definirsi Attivisti in quanto diventeranno veri rappresentanti del Movimento solo se verrà ufficializzata una loro lista con tanto di simbolo e benedizione dall’alto. Da quel momento il regolamento nazionale del M 5S, compresa la decurtazione degli stipendi, deve diventare una Bibbia, bisogna rispettarlo e soprattutto crederci fino in fondo. Per diventare dei semplici attivisti hanno comunque già dovuto presentare delle garanzie importanti come il certificato di carichi pendenti e il casellario giudiziale, roba che negli altri partiti si evita come la peste bubbonica.

La loro portavoce al momento è Pina Parmentola, appassionata sostenitrice dei 5S. “Il Movimento, dice, ha dato voce ai miei ideali. Mi sono riconosciuta nella volontà di agire solo per il Bene Comune e per un cambiamento radicale del modo di fare politica.”

Contate di presentare una vostra lista nelle prossime comunali a Vico Equense?

“Se troveremo le persone giuste ci proveremo. Ci sono delle belle persone che si sono avvicinate idealmente ma è ancora tutto in cantiere.  Per ora siamo un gruppo di attivisti che indipendentemente dalla presenza nel Consiglio Comunale porteranno avanti il loro lavoro di radicamento sul territorio.”

Se riuscirete a fare una lista come sceglierete il Candidato Sindaco? Seguirete anche voi la via dei consensi  sui Social Media?

“A livello locale non è necessario seguire questo metodo. Il gruppo può scegliere il candidato giusto al suo interno. Ripeto più che una questione di nomi è importante che si segua la strada del Bene Comune e non quella degli interessi personali.”

Quali sono le vostre priorità.

“Innanzitutto i temi ambientali. Il mare, per esempio, quest’anno è diventato fondamentale. Ci occuperemo del depuratore  di Punta Gradelle e di tutta la tematica connessa. Sono venti anni che si discute di mare pulito ma come al solito si è fatto ben poco e si è arrivati alla tragedia degli scorsi mesi.  Abbiamo investito del problema il nostro Consigliere Regionale Vincenzo Viglione.  Anche il problema dell’acqua pubblica ci sta a cuore. La Gori gestisce tutta l’acqua sul territorio e forse è venuto il momento di fare chiarezza su questo argomento. Vogliamo affrontare anche il tema del lavoro, soprattutto quello stagionale, che viene penalizzato dal Jobs Act.”

Aggiunge Paolo:” Naturalmente affronteremo  problemi specifici come quello delle tasse comunali che a Vico sono altissime. Negli altri Comuni Sorrentini  si attua una dilazione dei pagamenti anche in quattro rate. Vogliamo batterci affinché a Vico Equense si arrivi a un risultato di questo genere.”Poi interviene Francesco:” I nostri programmi in ogni caso non si discostano da quelli nazionali del Movimento. Basta andare sul sito e leggere i punti fondamentali che vi sono elencati. Possiamo riassumere che la nostra priorità assoluta sta nel fare politica attraverso un cambiamento radicale rispetto al passato anche nella nostra città.”

Nel frattempo il gruppo di attivisti annuncia un incontro pubblico con il Senatore campano Sergio Puglia che avverrà a breve e dove si discuterà insieme ai cittadini di argomenti importanti come quelli dell’ambiente e del lavoro.

Maria D’Ordia

Share