Nasce il presidio area stabiese di Libera “Associazioni, Nomi e Numeri contro le mafie”

289

CASTELLAMMARE DI STABIA – Il giorno venerdì 30 ottobre, dalle ore 10.30 alle ore 13, presso l’auditorium del liceo scientifico “F. Severi” di Castellammare di Stabia si terrà l’inaugurazione del presidio area stabiese di Libera dedicato ad “Alberto Vallefuoco, Rosario Flaminio e Salvatore De Falco” vittime innocenti della camorra.

Libera “Associazioni, nomi e numeri contro le mafie” è nata il 25 marzo 1995 con l’intento di sollecitare la società civile nella lotta alle mafie e promuovere legalità e giustizia. Attualmente Libera è un coordinamento di oltre 1500 associazioni, gruppi, scuole, realtà di base, territorialmente impegnate per costruire sinergie politico-culturali e organizzative capaci di diffondere la cultura della legalità. La legge sull’uso sociale dei beni confiscati alle mafie, l’educazione alla legalità democratica, l’impegno contro la corruzione, i campi di formazione antimafia, i progetti sul lavoro e lo sviluppo, le attività antiusura, sono alcuni dei concreti impegni di Libera.

Un presidio territoriale di Libera non è uno sportello antimafia né una singola associazione bensì un insieme di più realtà sociali ed associative che decidono di unirsi per aderire ai principi di Libera, partecipando alle iniziative regionali e nazionali. Formalmente un presidio di Libera è formato da almeno tre associazioni locali, da almeno una parrocchia e da almeno una scuola, che si uniscono firmando un apposito patto, denominato “patto di presidio”. La costituzione del presidio stabiese di Libera è il risultato di un anno di incontri effettuati tra le compagini fondative dell’area stabiese: il circolo Legambiente Woodwardia, Gli Amici della Filangieri, Associazione Carmine Onlus, la parrocchia Maria SS. del Carmine e l’IIS Enzo Ferrari. La presentazione ufficiale di un presidio di Libera rappresenta un momento importante per una comunità, ed estremamente formativo per i più giovani. Il presidio territoriale di Castellammare di Stabia avrà sede operativa presso il bene confiscato alla camorra “Asharam Santa Caterina” in via Santa Caterina n 11, bene gestito dall’associazione la “Casa della Pace e della Nonviolenza”.

L’Asharam, palazzina di quattro piani confiscata ad esponenti della camorra stabiese, ospita Libera dal 2008 anno in cui si è svolto, proprio a Santa Caterina, il primo campo di volontariato e formazione “EstateLiberi” della Campania. Le riunioni periodiche del nuovo presidio si terranno all’Asharam ma anche in altri luoghi del territorio, presso le parrocchie e le scuole aderenti al presidio.

L’inaugurazione si svolgerà presso l’auditorium del liceo scientifico F. Severi, a partire dalle ore 10.30, nella forma di convegno partecipato in cui interverranno come relatori: Antonio D’Amore, coordinatore provinciale di Libera; Bruno Vallefuoco, del coordinamento familiari vittime innocenti di camorra; Carmine Iovine, attivista locale ed autore del libro “Asharam. Dove Gandhi ha sconfitto la camorra”.

La discussione sarà introdotta dalla dirigente scolastica dott.sa Marcella Sannoner e moderata dal diciannovenne studente stabiese Giuseppe Trotta, uno dei più giovani referenti di presidio Libera in Italia. Prevista anche la partecipazione: del commissario Prefettizio del comune di Castellammare di Stabia, dott. Claudio Vaccaro; di Salvatore Inguì assistente sociale presso il ministero della Giustizia e coordinatore di Libera per la provincia di Trapani; di esponenti delle forze dell’ordine; di delegazioni di altri Istituti scolastici; di rappresentanti di altri presidi di Libera e di altre associazioni.

Gli organizzatori invitano la cittadinanza, le scuole e gli organi di stampa a partecipare.libera_firenze_mafie_0-3

Donazione sostieni il Gazzettino Vesuviano