Vomero: imbrattatori in azione sul muro della Floridiana

Via Cimarosa muro villa Floridiana“Proprio in questi giorni, dopo mesi di lavori di manutenzione, tolte le impalcature, era stato restituito alla visione dei passanti il muro su via Cimarosa al Vomero, che delimita la villa Floridiana, imbiancato a nuovo. Ma non ha resistito molto, visto che già qualcuno, utilizzando le consuete bombolette spray, ha pensato d’imbrattarlo con scritte”. E’ la segnalazione che Gennaro Capodanno, presidente del Comitato Valori collinari, fa alle autorità competenti affinché vengano presi provvedimenti nei confronti di coloro che, da un poco di tempo a questa parte, si divertono ad imbrattare i muri pure nel popoloso quartiere collinare.

Scritta sotto ponte via CileaLa stessa cosa era capitata di recente anche in via Doria,  sul muro sottostante il ponte di via Cilea. “Evidentemente pure al Vomero, come in altri quartieri della Città, – dice Capodanno – sono entrate in azione persone o gruppi che passano il loro tempo imbrattando o deturpando la cosa pubblica, col rischio, peraltro, d’incorrere nelle pesanti sanzioni previste al riguardo dal codice penale”.

Difatti dopo le modifiche e gl’inasprimenti introdotti dalla legge 94  del 15 luglio 2009, per coloro che deturpano o imbattano beni immobili, quindi anche i muri, si applica la reclusione che va da tre mesi fino a due anni e un’ammenda che può arrivare fino a 10.000 euro in casi di recidiva, se il fatto sia commesso su cose d’interesse storico o artistico.

“Per combattere questo fenomeno che si va sempre più diffondendo anche nel capoluogo partenopeo – suggerisce Capodanno – occorre potenziare il sistema della videosorveglianza, collegato alle centrali delle forze dell’ordine in modo da poter individuare immediatamente gl’imbrattatori, già nel momento nel quale entrano in azione.

Un tale sistema di controllo, in particolare per i beni d’interesse storico e artistico, potrebbe avere anche una forte azione preventiva, costituendo un deterrente per quanti sporcano con scritte e graffiti  beni pubblici e privati, contribuendo così a rendere più brutta e invivibile la Città”.

Donazione sostieni il Gazzettino Vesuviano
Condividi
PrecedenteCMO Stabia torna da Empoli con una sconfitta
SuccessivoReal San Gennarello: forza quattro
Il giornale “il Gazzettino vesuviano”, fondato nel 1971 da Pasquale Cirillo e attualmente diretto da Gennaro Cirillo, si interessa principalmente delle tematiche legate al territorio vesuviano e campano; dalla politica locale e regionale, a quella cultura che fonda le proprie radici nelle tradizioni ed è alla base delle tante associazioni e realtà che operano sul territorio.Siamo impegnati a garantire la massima qualità e la massima integrità nel nostro lavoro giornalistico. Ci impegniamo a mantenere alti standard etici e professionali, evitando qualsiasi conflitto di interesse che possa compromettere la nostra indipendenza e la nostra imparzialità.Il nostro obiettivo è quello di fornire ai nostri lettori notizie e informazioni affidabili su una vasta gamma di argomenti, dalle notizie di attualità ai reportage approfonditi, dalle recensioni ai commenti e alle opinioni. Siamo aperti a suggerimenti e proposte dai nostri lettori, e ci impegniamo a mantenere un dialogo aperto e costruttivo con la nostra community.