Mariglianella, “Sostegno Alimentare” alle famiglie disagiate

231

Felice Di Maiolo Sindaco di Mariglianella NALa Giunta Comunale di Mariglianella presieduta dal Sindaco, Felice Di Maiolo, su proposta dell’Assessore alle Politiche Sociali, Luisa Cucca, con la delibera n. 99 dello scorso 11 novembre, valutata l’opportunità di instaurare rapporti di collaborazione con l’Associazione “Banco Alimentare Campania Onlus” , con sede operativa in Fisciano (SA), mediante la stipula di apposito Protocollo d’Intesa, ha approvato l’adesione al progetto “Condividere i bisogni per condividere il senso della vita. Anno 2016”.

Con questo progetto verrà assicurata la fornitura mensile di un pacco con prodotti alimentari a 145 nuclei familiari, in condizioni di disagio economico, per il periodo gennaio-dicembre 2016 escluso il mese di agosto.
Solo i residenti potranno fare domanda consegnandola all’Ufficio Protocollo del Comune di Mariglianella entro e non oltre le ore 12.00 del giorno 11 dicembre 2015. Le istanze di partecipazione dovranno essere presentate sull’apposito

modello che potrà essere ritirato presso l’Ufficio dei Servizi Sociali del Comune, in Via Parrocchia, o scaricato dal sito istituzionale http://www.comune.mariglianella.na.it.

Saranno gli stessi Servizi Sociali a valutare le domande ed a formare la graduatoria dei beneficiari i quali dovranno possedere i seguenti requisiti, pena l’esclusione: Residenza nel Comune di Mariglianella; reddito ISEE inferiore o pari ad Euro 5.830,63 (risultante da Euro 448,52 mensili per tredici mensilità);; Assenza di assistenza alimentare da parte di altri organismi che forniscono aiuti alimentari sul territorio.

Il Primo Cittadino, Felice Di Maiolo, e l’Assessore Luisa Cucca hanno affermato che “così intendiamo, come Amministrazione Comunale, continuare anche per il 2016 adeguate politiche sociali ed efficaci interventi di prevenzione, di

contenimento e di sostegno delle persone in stato di disagio economico. Poniamo in essere tutto quanto la legge ci consente di fare per le fasce deboli in questa generale e persistente crisi, nonostante la ridotta disponibilità delle risorse economiche”.