Ercolano, politica: largo ai giovani. Stop a conflitti interni

180

Municipio ErcolanoPolitica a Ercolano: è il momento dei giovani e in particolar modo dei neo eletti consiglieri. Tanti cavalli di razza nella maggioranza e non da meno nell’opposizione. Pensiamo alla giovane ma determinata Nancy Scognamiglio (Libertas Democrazia Cristiana) attenta e presente ai lavori dell’aula consiliare, ad Assunta Riccio particolarmente sensibile alle problematiche relative ai diversamente abili e alle fasce più esposte della comunità.

Due esponenti rosa di una politica “giovane” che in cooperazione con i veterani del governo di città, pensiamo ad esempio all’ex assessore e attuale consigliere Antonietta Garzia , possono produrre molto in positivo per la comunità degli scavi.

Il segreto ora è crederci e investire qualitativamente parlando: da emulare esempi come quello del commerciante Angelo Russolillo che non ci stancheremo mai di sottolinearlo continua la propria campagna di beneficenza da un lato professando dall’altro amore per i luoghi e voglia di riscatto per un territorio dalle potenzialità appena scalfite. Basta con le rivalità e con le ambizioni personali avanti con il gioco di squadra. Tutti sono chiamati ad offrire il proprio umile ma insostituibile contributo, a tutti va offerta la possibilità di “cambiare” e donare il meglio di se alla causa. Ben vengano quindi le iniziative dell’ex assessore Ciro Iengo, le manifestazioni culturali promosse dalle associazioni di giovani presenti sul territorio e i meeting a tema tra le forze imprenditoriali al fine di dare una scossa positiva ad una città che sembra eternamente imbambolata.

Ben vengano tutte le manifestazioni pubbliche pur che attraggano gente e aiutino l’economia indigena valorizzando nel contempo le risorse locali . Tanto ormai in paese ci si conosce bene con annessi pregi e difetti quindi è inutile seguitare nella retorica e nei proclami a cui da tempo nessuno crede più. Direttore d’orchestra per l’esecuzione di questa mirabile opera di rinnovamento il sindaco Ciro Buonajuto : sfoderi una volta e per tute le doti di cui dispone il buon Ciro creando sinergia tra maggioranza e opposizione indispensabile quanto meno a salvare il salvabile all’interno di una Ercolano stanca di guerre intestine e desiderosa di atti d’amore nei confronti dei tanti ercolanesi che da sempre ne hanno difeso i colori credendo fermamente nella qualità di questi luoghi.

Alfonso Maria Liguori

Condividi
Precedente“Pompei, eternal emotion” il cortometraggio di Pappi Corsicato
SuccessivoU.s. Angri: si vince e si realizzano progetti
avatar
Pubblicista, con formazione scolastica classica e frequenza universitaria presso l'Ateneo Federico II di Napoli (corso di Laurea in Filosofia). Dal 2003 "Aml" è nato, giornalisticamente parlando, con il settimanale diocesano della Curia di Napoli "Nuova Stagione". Successivamente collabora con Cronache di Napoli, con Metropolis, con Napoli Più, svolgendo nel contempo attività di pubbliche relazioni e portavoce di politici. Impegnato nel sociale nel 2003 ha preso parte ad un progetto sociale per il recupero di minori a rischio promosso dall'associazione onlus "Figli in Famiglia" in collaborazione con il Tribunale per i Minori di Napoli. Ha curato eventi di solidarietà per associazioni onlus in favore di noti ospedali partenopei in collaborazione con l'Ubi Banca Popolare di Ancora. Ha diretto la trasmissione televisiva "Riflettori su Ercolano" (a sfondo sociale) per Tele Torre. Profondo conoscitore della strada e dei complessi meccanismi sociali che caratterizzano le problematiche di Napoli e della sua provincia, da anni collabora attivamente con il Gazzettino vesuviano.