San Giorgio a Cremano, Premio Letterario Villa Bruno, novità per l’edizione 2016

433

PREMIO VILLA BRUNOLo slogan “Qui, si risorge a nuove ore di Cultura” è l’auspicio che caratterizza il Premio Letterario Villa Bruno,  giunto alla sua terza edizione, dove è lecito alimentare l’idea di un nuovo “Risorgimento” della Cultura.  “Ambiamo a risorgere come per rinascere in una nuova moralità, per coltivare una coscienza etica a misura umana, dove la solidarietà s’incroci con i bisogni di ogni uomo”, affermava nel suo saluto di benvenuto all’ultimo evento, l’organizzatore Roberto Furcillo, di concerto con la d.ssa Maria Falbo, presidente dell’associazione “Progetto Donna 2000”.

E proseguiva: “Ci auguriamo che ogni elemento della nostra vita possa essere assimilato ad “alimento”. Cultura, Coltura hanno la stessa radice. Si coltiva ciò che nutre; gli Alimenti come il Sapere, entrambi vanno trattati perché siano acquisiti nelle loro più salutari peculiarità. Un libro, ad esempio, con le sue pagine può servire anche per imballare pacchi di sale acquistati dal tabaccaio. Solo lo studio, valorizza e differenzia il diverso Sapere. L’uso dell’Esperienza è la diretta conseguenza della Conoscenza. E’ la Conoscenza che nobilita dell’uomo la Coscienza. L’ignoranza è solo zavorra. Con essa, al massimo si tende alla mediocrità.

Il Risorgimento dell’uomo nascerà dalla sua capacità di proporsi come elemento di valore e caparbio promotore di Arte e Cultura. I libri si lasciano prendere, senza commenti, da qualsiasi mano … ma, seminano solo menti capaci di volare da ferme. Investire nel Sapere … è l’unico modo di Saper Investire”. Determinazioni forti, decise, di chi sa il fatto suo nell’ambito artistico/letterario, fino a spingersi nei labirinti dell’anima a scorticarne le più vive certezze ed irrequietezze, tra guerra e pace con quel censore chiamato “IO”.

Invitando a compiere quei passi risoluti affinché la luminosità di ciascun intendimento aiuti a dissipare le nebbie di esistenze indolenti,  di passività caratteriali, in modo che forti doglie motivazionali, possano riuscire in grado di consentire a sinuose permanenze in ventri gravide di cultura, di partorire  scampoli di poesia che  “La Nave di Neve”, leader Roberto Furcillo,  e “Progetto Donna 2000 Onlus”,  capofila Maria Falbo,  già indirizzano nelle praterie aperte dalle tre edizioni del premio letterario, dando la possibilità a chi ci crede, di orientarsi verso i perduti splendori, forti del convincimento che – cloniamo! –  “L’ignoranza è solo zavorra” … e che solo “Il Risorgimento dell’uomo nascerà dalla sua capacità di proporsi come elemento di valore e caparbio promotore di Arte e Cultura”. E quel ribadire …

“La Poesia
è una finestra socchiusa
dove la parola entra come uno spiffero
un raggio di luce o una freccia di luna.
La Poesia entra ed esce
padrona di noi”.

Ed è con tali presupposti che “Qui, si risorge a nuove ore di Cultura”, nella biblioteca della cultura vesuviana, in San Giorgio a Cremano (Na), location di numerosi eventi e del premio letterario “Villa Bruno”, che  spinge con sempre più consapevolezza, verso l’organizzazione della sua quarta edizione, dove interessantissime novità impreziosiranno il già notevole contesto, da annoverare tra i più interessanti e quotati – per qualità e quantità di adesioni – a livello nazionale.  Ad majora!

Mauro Romano

Donazione sostieni il Gazzettino Vesuviano