Mariglianella: presentato il Piano Comunale di Protezione Civile

236

marigliano protezione convegnoL’Amministrazione Comunale, guidata dal Sindaco Felice Di Maiolo, ha dato luogo, venerdì scorso presso la Sala Consiliare, al Convegno su “Prevenzione del Rischio Naturale e Presentazione del Piano Comunale di Protezione Civile” nell’ambito del POR Campania FSE 2013-2017, Unione Europea, con il sostegno progettuale dell’ Agenzia Area Nolana. Sono intervenuti il Sindaco, Felice Di Maiolo; l’Amministratore Unico dell’Agenzia Nolana, Giovanni Trinchese; il Responsabile dell’Ufficio Tecnico Comunale, Arcangelo Addeo; ed Orazio Colucci, Coordinatore dei Piani di Protezione Civile dell’Agenzia Area Nolana.

All’incontro pubblico, moderato dal giornalista Antonio Castaldo, erano presenti , insieme alla Cittadinanza, il Presidente del Consiglio Comunale, Vincenzo Esposito; gli Assessori, Luisa Cucca, Felice Porcaro, Valentina Rescigno e Arcangelo Russo; la Consigliera Comunale, Angela Cerciello, l’ex Consigliere, Antonio Iossa ed il Comandante della Polizia Municipale, Ten. Andrea Mandanici. Ed ancora, fra i presenti vi erano il Presidente del Consiglio d’Istituto ICS “Giosuè Carducci”, Antonio Mautone e l’ex docente Giovanni Maione, mentre  dal versante dell’associazionismo seguivano il convegno i rappresentanti di Binà, del Circolo Comunale Anziani, di Benessere Valmax e  del Bosco di Merlino che ha anche prestato l’impianto microfonico. Dal fronte della comunicazione pubblica vi era la giornalista Carmen Fusco  dell’Agenzia Locale di Sviluppo dei Comuni dell’Area Nolana.

Il Primo Cittadino, Felice Di Maiolo, nel saluto di apertura ha ringraziato “tutti i partecipanti, relatori e cittadini, rappresentanti di Enti ed Istituzioni, l’Agenzia Area Nolana, l’Amministratore Giovanni Trinchese e i tecnici che hanno elaborato questo progetto da portare in Consiglio Comunale. In questo caso vediamo anche un positivo contenuto di e-governement grazie ad una applicazione per lo smartphone che ci permetterà di ottenere immediatamente tutte le istruzioni per evitare rischi e pericoli in un eventuale momento di grande vulnerabilità”.

Grazie per la fiducia che ci avete dato -ha affermato Giovanni Trinchese, Amministratore Unico dell’Agenzia Area Nolana-. L’App è una cosa importantissima ed è la prima in Italia a farsi con questo sistema: banche dati su popolazione, strutture, centri di fuga, tutto a portata di mano a disposizione del cittadino in caso di necessità ”.

L’Assessore all’Ecologia, Valentina Rescigno, ha prodotto la sua riflessione sulla “sostenibilità ambientale, cambiamenti climatici e responsabilità dei cittadini che devono essere i soggetti di vere azioni ambientali fatte sui territori. Ricordiamoci che l’ecosistema è stato a noi affidato e lo dobbiamo trasmettere alle generazioni future senza danni come ci ha anche ricordato Papa Francesco con la sua enciclica, Laudato si’, sulla Cura della Casa Comune”. L’ingegnere Arcangelo Addeo responsabile dell’Ufficio Tecnico del Comune di Mariglianella ha ricordato “l’iter procedurale che ha origine nel decreto dirigenziale n. 60 del 2014 del Dipartimento Politiche Territoriali della Regione Campania, poi c’è stata l’individuazione della struttura di supporto nell’Agenzia Area Nolana con il doppio compito riguardante i finanziamenti e la redazione del locale Piano di Protezione Civile, mentre io rivesto il ruolo di RUP come deciso dalla Giunta Comunale di Mariglianella”. Orazio Colucci, Coordinatore dei Piani di Protezione Civile dell’Agenzia Area Nolana, ha trattato la tematica sotto il duplice rischio: tellurico e vulcanico. “Ringrazio per la fiducia accordataci. Siamo arrivati oggi -ha precisato il geologo Colucci- alla redazione del Piano di Protezione Civile alla luce dell’ultima legge in materia, quella del 2013. Oggi possiamo dire di avere una Protezione Civile in Italia grazie alla legge di riordino n.100 del 2012 ed alla disponibilità dei Sindaci ad assumersi delle responsabilità. Mariglianella oltre che a rischio terremoto è, per metà circa del suo territorio interessata anche al rischio vulcanico, per il Vesuvio che è a pochi chilometri di distanza in linea d’aria. In caso di eruzione il pericolo viene per l’accumularsi delle ceneri e la linea di demarcazione è quella dei 300 kg a metro quadrato”.

I cittadini presenti anno avuto un vademecum tascabile mentre sono previste ulteriori iniziative in merito per sapere come comportarsi per la propria incolumità e facilitare il compito dei soccorritori in caso di calamità.

Share