La Salernitana ritrova la vittoria

322

Calcio d'inizioSfida salvezza all’Arechi di Salerno tra Salernitana e Ascoli, nella diciottesima giornata di Serie B. Le due squadre sono ventesime in classifica a pari punti e necessitano di una vittoria che possa dare nuovo sprint al campionato. La Salernitana dopo il cambio modulo ha mostrato una buona fase difensiva e buone prestazioni, mancando solo i tre punti. L’Ascoli, invece, nell’ultima giornata ha ritrovato la vittoria dopo tre turni e vuole riconfermarsi contro i campani.

Il primo tempo inizia a ritmi bassi e bisogna attendere il minuto 15 per la prima occasione pericolosa: l’attaccante dell’Ascoli Petagna prova con un tiro da fuori area che termina largo. Qualche minuto più tardi ancora Ascoli con Caturano che ruba palla ad Empereur sulla fascia destra, si accentra e prova il tiro dall’angolo dell’area di rigore su cui Terracciano mette i pugni respingendo corto sui piedi di Pecorini che, però, è in fuorigioco. L’Ascoli sembra essere molto più aggressivo ma al 27° è la Salernitana a portarsi in vantaggio: prima vera azione pericolosa per i campani, dopo una respinta della difesa sul cross di Colombo, con un tiro dai trenta metri di Pestrin che colpisce il palo interno e termina in rete. Goal dell’ex per Pestrin che sigla l’1-0 per la Salernitana. Passano soli 5 minuti e ancora Salernitana in attacco con il cross di Colombo dalla destra per Coda che stoppa in area di rigore ma perde l’attimo per andare al tiro e viene murato dalla difesa. Dopo il goal del vantaggio, la Salernitana sembra aver preso fiducia e riesce a mettere in difficoltà un Ascoli bloccato. Al 37° cross di Empereur dalla trequarti sinistra, Gabionetta colpisce di testa in mezzo all’area ma il tiro è debole e viene bloccato facilmente dal portiere. Sul finire del primo tempo ancora due azioni importanti per la Salernitana: una punizione di Gabionetta da sinistra diretta in area dove Bovo colpisce di testa debolmente e un contropiede con Coda che sale palla al piede e prova da lontano ma il tiro termina largo. Il primo tempo termina con i padroni di casa in vantaggio che, dopo un inizio stentato, sono riusciti a rendersi pericolosi e mettere in difficoltà gli avversari.

Nel secondo tempo l’Ascoli entra in campo con un piglio diverso e con l’intenzione di riaprire la partita. Nei primi minuti di gioco, infatti, tre occasioni pericolose per gli ospiti: tiro di Petagna dal limite dell’area parato da Terracciano; colpo di testa di Del Fabbro, sugli sviluppi di un calcio d’angolo, che termina largo; cross dalla destra per Petagna, confusione in area di rigore in cui lo stesso attaccante dell’Ascoli ha la meglio e può appoggiarla dietro per il tiro di Grassi che termina largo oltre il palo. Nonostante la maggiore pericolosità dell’Ascoli, similmente al primo tempo, arriva il goal del raddoppio per la Salernitana al 52° con un ottimo contropiede di Gabionetta che parte palla al piede dalla difesa e, arrivato sulla trequarti, la da in profondità a Bovo che serve al centro Coda liberissimo, avanti alla porta, di mettere a segno il 2-0. Incredibile cavalcata di Gabionetta a cui va attribuito gran parte di questo goal. Al 59° ancora un contropiede per la Salernitana con l’ispiratissimo Gabionetta che serve Coda fuori area e gli porta via un uomo lasciandogli lo spazio per tirare, ma il pallone finisce alto sopra la traversa. Qualche minuto più tardi, al 63°, l’Ascoli prova a riprendersi con un calcio d’angolo dalla destra, sponda di testa di Petagna per Perez che, alle spalle dei difensori e in posizione regolare, non riesce ad inquadrare lo specchio a due passi dalla porta. L’Ascoli ha subito il colpo del doppio svantaggio non riuscendo più a rendersi pericolosa come prima e la partita diventa lenta e statica. Bisogna attendere, infatti, il 37° per un’ulteriore azione pericolosa dell’Ascoli con il cross di Frediani per Perez che in girata prova a sorprendere il portiere, ma Terracciano è attentissimo e mette il pallone in corner con un’ottima parata. Sul finire, al 43°, occasione ancora per l’Ascoli con una punizione dalla trequarti destra di Bellomo diretta in porta, il pallone da l’illusione del goal ma termina sull’esterno della rete.

La partita termina sul risultato di 2-0 per il padroni di casa che ritrovano una vittoria lontana ormai quattro partite. Il nuovo modulo di mister Torrente comincia a dare i suoi frutti essendo riuscito a migliorare la fase difensiva, zero reti prese nelle ultime tre partite, e a mettere in evidenzia le caratteristiche offensive dei propri attaccanti, con ottime azioni di contropiede.

TABELLINO:

Salernitana-Ascoli 2-0

Salernitana(3-5-2): Terracciano, Lanzaro, Bernardini, Empereur, Colombo, Moro, Pestrin, Bovo(Sciaudone 71°), Rossi, Coda(Eusepi 74°), Gabionetta(Donnarumma 82°). Allenatore: Torrente.

Ascoli(4-3-1-2): Svedkauskas, Del Fabro, Milanovic, Mengoni, Pecorini(Fedriani 77°), Jankto, Pirrone, Grassi,  Bellomo, Caturano(Perez 45°), Petagna. Allenatore: Mangia.

 Erasmo Micera

Share